Alassio Salute: 190 Astrazeneca per fascia 65-79 anni, via alla vaccinazione domiciliare con Moderna - IVG.it
Sblocco

Alassio Salute: 190 Astrazeneca per fascia 65-79 anni, via alla vaccinazione domiciliare con Moderna

Bogliolo: "Numeri che possono fare la differenza". Macheda: "Significativa accelerata al sistema"

alassio salute vaccinazioni

Alassio. “Si riparte con numeri che in breve possono fare la differenza nella campagna vaccinale in corso”. Francesco Bogliolo, responsabile del Centro Medico Alassio Salute, annuncia un significativo sblocco nella somministrazione di vaccini, dopo la “falsa partenza” del mese scorso.

“Martedì e mercoledì prossimo potremo riprendere le vaccinazioni non più solo alle categorie professionali ma anche ai cittadini tra i 65 e i 79 anni”, annuncia. Via dunque alla prenotazioni: “I pazienti dei medici di Alassio Salute – prosegue Bogliolo – ricompresi in questa fascia di età potranno prenotarsi presso il proprio medico curante. Avremo a disposizione il vaccino Astrazeneca, 100 dosi martedì 20 aprile e 90 mercoledì 21. E dalla prossima settimana, da lunedì a venerdì, i medici di medicina generale di Alassio Salute insieme a personale medico e infermieristico dell’Asl inizieranno anche le vaccinazioni domiciliari per pazienti allettati o impossibilitati a spostarsi da casa. Avremo a disposizione 40 vaccini Moderna al giorno”.

“E’ una significativa accelerata al sistema – commenta Fabio Macheda, assessore alle Politiche Sanitarie del Comune di Alassio – per il quale si deve ringraziare l’impegno dei medici di Alassio Salute nella persona del loro responsabile, Francesco Bogliolo, che da subito ha messo se stesso e il presidio alassino al servizio della campagna di vaccinazione, con il supporto del Comune di Alassio e della Protezione Civile, e per come ha ridisegnato l’attività del centro medico allineandola alle esigenze dei protocolli per la somministrazione dei vaccini o dell’esecuzione dei test”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.