15 ANNI di sport/4 - I grandi eventi di ciclismo e atletica, i tanti successi delle discipline individuali - IVG.it
15 anni di ivg

15 ANNI di sport/4 – I grandi eventi di ciclismo e atletica, i tanti successi delle discipline individuali

Un panorama ricchissimo, con numerosissime manifestazioni capaci di catturare interesse ed accendere entusiasmo

Quindici anni di IVG.it, la cronaca locale, aggiornando il lettore con un metodo moderno di informazione. Raccontando le notizie e indirettamente i cambiamenti della società, apportati dalla rivoluzione digitale. Dall’articolo, appuntato sul taccuino e scritto a distanza di ore dal termine, all’evento vissuto in presa diretta, in tempo reale.

Un esempio lampante di questo mutamento nell’informazione sportiva è stato il ciclismo, che nel savonese ricopre da sempre un ruolo significativo. Dalla tradizione su strada alle nuove iniziative, come nella mountain bike.

Ne è un esempio tangibile l’Andora Race Cup, ideata nel 2019 e fin da subito proposta quale vetrina d’apertura degli Internazionali d’Italia. I grandi nomi del cross country in sfida sui sentieri del promontorio andorese. Il transalpino Stephane Tempier, vincitore della prima edizione. Dunque i campioni del mondo della specialità: Jordan Sarrou, lo svizzero Lars Forster il campione italiano Gerhard Kershbaumer.

Anche se di passaggio sul territorio savonese, dove non ha né la partenza né l’arrivo, l’avvenimento più seguito è senza dubbio la Milano-SanremoEvento, a marzo, proposto per la prima volta in diretta televisiva integrale. Le riprese dall’alto dell’elicottero, favorite da una bella giornata soleggiata, hanno messo in risalto la geografia del territorio.

Dal 2008 al 2014 la classicissima di primavera fu caratterizzata dall’ascesa all’altopiano delle Manie, salendo da Noli e riscendendo a Finale. Si ricordano in quel periodo l’arrivo a braccia alzate dello svizzero Cancellara. Le volate di gruppo. Cavendish al fotofinish nel 2009, l’edizione numero cento. Chiacchierata anche dal ritorno in Europa di Lance Armstrong, a quattro anni dal suo primo ritiro.

Nel 2007 l’edizione del centenario e nel 2010 Freire, capace di centrare prima il secondo e quindi il suo terzo successo sul rettilineo sanremese di via Roma. Poi Démare, ultimo vero sprint di gruppo, nel 2016; tra le polemiche, per un possibile “traino” sulla penultima salita.

Le edizioni dell’ultimo lustro si sono sempre decise sul Poggio, il trampolino di lancio a pochi chilometri dalla meta. Gli arrivi in trio nel 2017, quando la spuntò il polacco Kwiatkowski. Nel 2018 il contropiede di Nibali, abile a resistere al ritorno degli avversari. A dodici anni dall’ultima vittoria italiana, avvenuta nel 2006 con Pozzato, un mese prima della nascita di IVG. Nel 2019 la vittoria di Alaphilippe. In quell’edizione, si ricorda il ligure Bonifazio, protagonista di una discesa a rotta di collo lungo la Cipressa. Quindi van Aert, davanti allo stesso francese Alaphilippe e quest’anno la sorpresa Stuyven.

Nella provincia, il Trofeo Laigueglia, gara d’apertura della stagione italiana, ha vissuto suo malgrado un ridimensionamento, messo in ombra in particolare dopo il 2005 col nuovo calendario World Tour. Con le prime kermesse di preparazione spostate verso i lidi esotici, le corse in Oceania e Medio Oriente.

Spicca in particolare il tris di Pippo Pozzato, recordman in questa gara. Quindi il lignaggio di corridori più di seconda fascia, meno conosciuti al grande pubblico. Si ricordano infatti la doppietta di Francesco Ginanni, Gli sprint di Fedi, Cimolai. Gli arrivi in solitaria di Felline, Moreno Moser, Velasco, Ciccone. In ultima istanza, da quest’anno, l’idea degli organizzatori di posticipare l’evento da metà febbraio a inizio marzo, riproponendo sulle strade del “Laigueglia” una lista partenti vicina sull’eco dei fasti di un tempo.

Altro sport in grado di dare vita a grandi eventi è l’atletica leggera. La presenza del Meeting Città di Savona, che celebrerà la decima edizione nel 2021, è stata un crescendo. L’evento savonese, legato al memorial Giulio Ottolia, è salito alla ribalta sempre a partire dal grande spazio per la velocità, fin dall’edizione 2012, che aveva visto protagonisti i migliori under 23 azzurri.

Nel 2014 l’edizione è stata caratterizzata dal primato personale di Giulia Pennella negli ostacoli, mentre l’anno dopo è stato il turno di Fabrizio Schembri nel triplo. Queste prime edizioni si sono affiancate al Grand Prix lanci e salti, che negli anni ha visto anche stelle internazionali e record mondiali, ma ha presto trovato la sua strada. Il 2016 ha quindi visto il grande balzo in avanti della velocità e la prima di Tortu: nei 100 metri, vinti da Jacobs, il giovanissimo azzurro aveva fatto registrare il record italiano junior, fermando il cronometro a 10″24. Tortu fu protagonista anche l’anno dopo, quando si è migliorato a 10″15.

Grande spettacolo, quindi, nel 2018: Tortu scese a 10″09, facendo veramente capire di essere pronto per il record di Mennea, ma fu anche l’occasione di Luminosa Bogliolo, che per la prima volta si palesò per il suo grandissimo talento, fermando il cronometro nei 100 metri ostacoli a 12″99. Il 2019 pagò un meteo non eccellente, ma vide comunque crollare quattro record e confermò Bogliolo e Jacobs come protagonisti del meeting, mentre l’edizione 2020 è stata spostata in piena estate a causa del Covid. Il 16 luglio è stato il giorno di Larissa Iapichino, che ha brillato con un gran balzo; con lei anche Tortu e Bogliolo, insieme al debutto sulla pista dell’azzurro Davide Re. La crescita delle prestazioni ha visto migliorare passo passo anche il punteggio dell’evento, in crescita sia in Italia che tra gli eventi internazionali; il 2020 ha infatti visto un trentaduesimo piazzamento globale, dopo la top 100 conquistata nel 2018, che fa sperare in altri progressi nel prossimo futuro.

L’evento savonese non è il solo: il Meeting Arcobaleno AtleticaEuropa ha confermato il suo posto nell’Europe Athletisme Promotion, vivendo già 31 edizioni ed ospitando anno dopo anno nomi di rilievo, il più noto dei quali Oscar Pistorius, spesso a caccia di minimi per gli appuntamenti di vertice. Il ruolo del raduno Arcobaleno è stato anche quello di grande palcoscenico per l’atletica giovanile, che ha sempre trovato un grande spazio nel suo programma.

In questi tre lustri è tornato in voga il podismo, diventando quasi un fenomeno di massa. Il calendario delle gare di corsa si è infittito sempre più, in particolare nella stagione estiva, portando alla nascita di tantissimi eventi. Le grosse manifestazioni sulla distanza della mezza maratona, quali RunRivieraRun Half Marathon, Savona Half Marathon e La Mezza della Baia del Sole, hanno raggiunto numeri elevatissimi di presenze, attraendo podisti da tutta Italia.

Alla crescita delle corse su strada si sono affiancati il ritorno in auge del cross e soprattutto l’esplosione del fenomeno trail running. In tutta la provincia, grazie ad un territorio ideale, con sentieri che si affacciano sulla costa ed altri nell’entroterra, sono nate ed hanno rapidamente catturato tanti appassionati numerose competizioni, di distanze più o meno lunghe. Maremontana, BergTrail, Val Maremola Trail, Trail del Marchesato, Trail Aschero, 4 Chiese Trail, Trail della Gallinara sono solamente alcune tra le più note, in un panorama ricchissimo. 

Sentieri ideali anche per la mountain bike, tornando alle due ruote; la 24H of Finale meglio nota come 24 ore delle Manie, è diventata un evento noto in ambito mondiale; i percorsi della zona hanno poi conquistato gli organizzatori grossi eventi, quali l’Enduro World Series.

E poi il triathlon, altra disciplina in grande ascesa, che ha trovato sfoggio in grandi appuntamenti quali Triathlon Olimpico città di Pietra Ligure, Triathlon di Andora e Triathlon Sprint città di Savona e l’atleta Ivan Cappelli tra i grandi dell’Ironman.

Sulle nostre pagine non è mancato lo spazio agli sport motoristici, i cui eventi sono rari ma sempre molto seguiti. I rally, quali la Ronde della Val Merula, il Rally Riviera Ligure e Rally Valli del Bormida hanno acceso la passione, attirando lungo le strade tantissimi spettatori e portando a competere sulle strade della provincia piloti di calibro nazionale.

A completare il panorama degli sport individuali, il ricchissimo movimento tennistico, con decine di circoli sul territorio che permettono ai numerosi praticanti di svagarsi con racchetta e pallina ed avere ambizioni di agonismo, che ha trovato uno spot irripetibile con i palleggi sui tetti di Carola e Vittoria durante il lockdown e che ha visto per molti anni Loano ospitare le European Summer Cups Under 14 femminili. Ed il golf, con i numerosi appuntamenti sui percorsi di Garlenda e Albisola, e le bocce, molto praticate in tutta la provincia e che vedono nella Targa d’Oro Città di Alassio l’evento clou.

Senza dimenticare la scherma (e il kendo), con i traguardi raggiunti dal Circolo Scherma Savona, capace di lanciare, tra le altre, Costance Catarzi, e dalla Leon Pancaldo Finale. E le arti marziali, karate (Karate Club Savona su tutti, ma anche le società di Albenga e Laigueglia) e judo (Sharin, Yama Arashi, Judo Club Sicco…) in particolare, ma anche ju-jitsu e aikido. La lotta greco-romana con i titoli conquistati dalla Portuali Lotta Savona, il successo degli sport da combattimento con il grande galà internazionale di Loano e le vittorie degli atleti della Kick Boxing Savate Savona, Chiara Vincis su tutti, il pugilato con la Pugilistica Carlevarino, la Pugilistica Cairese e la Sport Savona Arti Marziali, il taekwondo con l’Olimpia, in particolare con le medaglie di Gaia Gavarone e Sofia Ciarlo.

Così come per le discipline già analizzate nei pezzi precedenti, la nostra rapida narrazione dei 15 anni di eventi sportivi vissuti da IVG ha inevitabilmente riassunto in breve, senza poter citare tutti, quello che è stato un racconto quotidiano, un susseguirsi continuo di emozioni e avvenimenti; il ringraziamento va ad atleti, arbitri, dirigenti, sponsor e tutti coloro che, con il loro contributo concreto, hanno dato vita a questo autentico spettacolo sportivo.

Più informazioni
leggi anche
  • 15 anni di ivg
    15 ANNI di sport/1 – Calcio: ascesa e fallimento del Savona, l’epopea dell’Albissola e le altre
  • 15 anni di ivg
    15 ANNI di sport/2 – Sport acquatici: pallanuoto e nuoto sincronizzato fanno grande Savona
  • 15 anni di ivg
    15 ANNI di sport/3: gli anni del Riviera Basket, le savonesi nel volley nazionale

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.