Speranze e paure

Zona gialla, ad Albenga i bar provano (di nuovo) a ripartire: “Riapriamo senza entusiasmo, quasi rassegnati” fotogallery

Una cliente seduta al tavolino: "Finalmente posso tornare a prendere un caffè al bar seduta all’aria aperta. Mi è mancato anche per la socializzazione"

Albenga. Sono sfiancati dalle aperture e chiusure ad elastico e nonostante il ritorno in giallo appaiono un po’ depressi e privi di entusiasmo. Sanno che la riapertura potrebbe essere solo temporanea e le preoccupazioni per la tenuta economica delle loro attività sono tante.

Un po’ di ossigeno questa riapertura, ma non certo la salvezza definitiva.Uno dei titolari della Caffetteria di Via Trieste: “Aspettiamo i ristori, arrivano a gocce e lavorare con l’asporto è semplicemente tenere vivo il rapporto con la clientela, ma a livello economico non è sufficiente. Abbiamo i giorni contati se andiamo avanti così”.

Una cliente del Bar Mina: “Finalmente posso tornare a prendere un caffè al bar seduta all’aria aperta. Mi è mancato anche per la socializzazione. Quindi é positivo, ora speriamo di restare in gialla”, conclude Mara Verga.

Federico Scardina titolare Hostaria del Viale: “Oggi si riapre e quindi per fortuna riusciamo a lavorare anche se solo a pranzo. Il mio stato d’animo é frustrato per l’incertezza della situazione, perché dalla sera alla mattina possono farci di nuovo chiudere, buttando via la materia prima, il pesce fresco e altri alimenti. Quindi contento, ma ancora un po’ depresso perché non abbiamo risposte definitive. Ne stiamo passando di tutti i colori ormai da un anno. Difficile restare a galla. Per ora ci accontentiamo di essere in gialla. Grazie IVG, siete voi la nostra voce ”, conclude Scardina.

Nico Ferrara Bar Roma: “Riapriamo, ma senza entusiasmo, c’è in noi quasi una rassegnazione. Inoltre dover chiudere alle 18 che c’è ancora luce ed é giorno ci penalizza. Dobbiamo mandare via la gente mentre iniziano a fare gli aperitivi e a vivere la loro vita privata. Accetto, ma lo stato italiano deve aiutarci concretamente a livello economico perché è un disastro. Per ora abbiamo tenuto il personale , ma chissà che succederà se andrà avanti così con pochi ristori”, conclude Nico Ferrara.

leggi anche
  • Riaperture
    Liguria in zona gialla, ecco cosa cambia da oggi
  • Situazione sanitaria
    Ritorno in zona gialla, Toti: “Anche gli insegnanti non residenti saranno vaccinati in Liguria”
  • Novità
    Cinema e teatri aperti dal 27 marzo in zona gialla, via libera dal Comitato tecnico scientifico
  • Via libera a...
    La Liguria torna in zona gialla dal 1° marzo: ecco cosa cambia
  • Prospettive
    Covid, Toti: “Liguria da zona gialla”. Resta lo spettro di un’altra Pasqua “blindata”