Richiesta

Titanio nel Beigua, anche da Varazze l’appello per la difesa del parco. La minoranza: “Facciamo fronte comune”

"Chiediamo al sindaco di prendere una posizione, l'estrazione mineraria in questa luogo deve essere evitata. Pronti a collaborare"

Varazze. Anche la minoranza di Varazze si oppone al via libera concesso dalla Regione all’indagine del CET (Compagnia Europea per il Titanio) all’interno del parco del Beigua

“Torna alla carica la possibilità di estrarre titanio nel nostro parco – dicono Paola Busso, Gianantonio Cerruti e Massimo Lanfranco – Il consenso a queste perlustrazioni in aree limitrofe alla zona protetta preoccupano fortemente perché l’unico interesse che ha la CET è estrarre il titanio. Concedere questa opportunità significa quindi iniziare a sgretolare il no, fino ad ora opposto a questa opportunità”.

Nonostante le rassicurazioni dell’assessore regionale Scajola, che aveva ribadito che lo studio esclude l’area del parco naturale del Beigua e che non ci sarà alcun prelievo e intervento sul territorio, la preoccupazione continua ad essere molta. Legambiente, i Verdi, Lista Sansa, Linea Condivisa sono intervenuti per esprimere la loro contrarietà, così come i comuni di Urbe e Sassello, secondo cui l’indagine riguarderà il 40% del territorio del parco.

La minoranza varazzina invita il sindaco Pierfederici a fare lo stesso. “Varazze è il comune che ha all’interno del parco la maggior parte di territorio, il massiccio del Beigua è proprio alle nostre spalle ed è una nostra caratteristica identitaria  per questo come consiglieri di opposizione manifestiamo alla maggioranza e al sindaco reggente Pierfederici la nostra disponibilità nell’intraprendere un’azione comune nel manifestare il dissenso verso l’utilizzo del nostro territorio nell’ambito dell’estrazione mineraria di titanio. Chiediamo quindi al sindaco Pierfederici, all’assessore Giusto (presidente del Consiglio del Parco) e alla maggioranza tutta di prendere una posizione chiara come già hanno fatto altri Comuni del parco, su questi temi è necessario esprimersi con chiarezza”.

“La volontà di preservare il nostro patrimonio ambientale e di tutelare la vocazione turistica del nostro territorio che non si compone solo di spiagge ma appunto anche di questo meraviglioso e unico luogo, ci impone di essere accorti e attenti di fronte a queste manovre di avvicinamento all’unico obiettivo che è l’estrazione mineraria” concludono Busso, Cerruti e Lanfranco.

leggi anche
  • Mobilitazione
    Titanio del Beigua, i comuni dell’entroterra insorgono: “Il 40% della ricerca nelle aree del parco”
  • Nessuna ricerca
    Titanio nel Beigua, Scajola: “Regione non ha autorizzato alcuna attività estrattiva”
  • Dubbi
    Titanio sul Beigua, Legambiente: “Grande preoccupazione per il via libera ai permessi di ricerca”
  • Uniti
    Pastorino (Linea Condivisa), Candia (Lista Sansa), Bruno (Europa Verde) dicono no all’estrazione del titanio dal Parco del Beigua
  • Situazione
    Titanio nel Parco del Beigua, Linea Condivisa: “Per le estrazioni non esistono soluzioni ambientalmente sostenibili”
  • Contrarietà
    Estrazione titanio sul Beigua, Verdi: “Operazione folle e dalla Regione ancora nessuna risposta”
  • In migliaia
    Titanio nel parco del Beigua: petizione delle associazioni ambientaliste e il caso arriva in Parlamento
  • Idee comuni
    Titanio sul Beigua, Scajola incontra sindaci di Urbe e Sassello: “Condivisione sul futuro del territorio”
  • Contrarietà
    Titanio sul Beigua, Pd: “Condanniamo scelta di concedere permesso ricerca mineraria”
  • Storia
    Titanio nel Parco del Beigua: dopo 6 anni la Regione concede l’autorizzazione
  • Salviamo il monte tarinè
    Titanio sul Beigua, i comitati si riuniscono: manifestazione nel parco per fermare le ricerche