Taglio Astrazeneca, Asl2 corre ai ripari: stop temporaneo alle prenotazioni nei Centri Salute - IVG.it
In via precauzionale

Taglio Astrazeneca, Asl2 corre ai ripari: stop temporaneo alle prenotazioni nei Centri Salute

Domani in una riunione verranno stabiliti i tetti massimi settimanali per ogni sede o raggruppamento

Provincia. Sospese temporaneamente, almeno fino a domani, le prenotazioni del vaccino Astrazeneca nei cCentri Salute della provincia di Savona: le somministrazioni proseguiranno, ma oggi e domani chi aveva intenzione di prendere appuntamento dovrà attendere. O meglio, potrà comunque chiamare il proprio medico di famiglia per farsi mettere in lista d’attesa, senza però essere inserito nel portale Poliss.

La comunicazione dell’Asl2 è arrivata ieri sera ai medici di famiglia generale che hanno ricevuto una mail intorno alle 19.30. La motivazione, come scritto nella nota, è la drastica riduzione per il mese di aprile delle dosi del vaccino AstraZenaca, annunciata ieri dal governatore Toti. In Liguria, infatti, arriveranno solo 26mile dosi e non 86.000 come inizialmente previsto.

Una decisione dunque precauzionale per evitare di avere delle prenotazioni senza la disponibilità delle dosi necessarie. Domani, venerdì 26 marzo, è stata programmata una riunione a cui parteciperanno Asl2 e medici di famiglia durante la quale verranno comunicati i tetti settimanali per singola sede e/o raggruppamento.

Dalla Regione fanno sapere che non dovrebbero esserci problemi per quanto riguarda gli appuntamenti già prenotati nei giorni scorsi.

“In questo momento rappresenta un disagio. Sappiamo che a livello organizzativo non è semplice, ci vuole la buona volontà di tutti. Domani inoculeremo 40 dosi, in attesa della riunione con l’Asl che ci darà maggiori informazioni” commenta Amatore Morando, direttore di Cairo Salute che ieri e martedì ha dovuto fare i conti con la rabbia delle molte persone che si erano recate alle Opes per ricevere il vaccino, arrivato con circa due ore di ritardo.

“La cosa importante in questo momento non è continuare ad aprire sedi vaccinali, ma piuttosto avere a disposizione i vaccini” conclude.

Intanto sono arrivate in queste ore 1.200 dosi del vaccino AstraZeneca a Savona, trasportate dai furgoni di Poste Italiane.

Mezzi speciali, attrezzati con celle frigorifere, che hanno preso in carico i vaccini a Chiavari e hanno proseguito il loro viaggio per raggiungere le loro destinazioni finali presso la farmacia dell’ospedale San Paolo.

 

leggi anche
  • Richiesta
    Vaccino per personale sanitario, Toti: “Un decreto legge per renderlo obbligatorio si fa in due ore”
  • Analisi
    Vaccini, Liguria al terzultimo posto per dosi somministrate: ecco le ragioni
  • Potenziamento
    Covid, Toti: “Un nuovo hub vaccinale nel savonese. Avremo una capacità superiore alle dosi in arrivo”
  • Suggerimento
    Vaccini, Vazio (PD): “Liguria fanalino di coda dell’Italia, Toti segua l’esempio delle regioni virtuose”
  • Attese disattese
    Vaccino 79-75 anni, caos e code ad Alassio Salute: “Prenotazioni bloccate, non funziona nulla”
  • Preoccupazione
    Rabbia di una figlia in attesa del vaccino a domicilio per il padre: “Se prende il Covid, muore”
  • Scelta
    Covid, “vaccino obbligatorio per il personale sanitario”: consiglio regionale approva documento
  • Fallimento
    Vaccino Covid, minoranze in Regione: “Quasi 90 mila dosi non utilizzate. Il piano è da rifare”
  • Precisazione
    Tagli Astrazeneca, la Regione rassicura: “Le prenotazioni proseguono comunque”
  • Intervento
    Astrazeneca, Ciangherotti (FI): “Copertura al 76%, gli altri vaccini oltre il 90%”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.