't li soi cos’a ra fò ra Cairèis?, una puntata dedicata alla ripartenza del settore giovanile - IVG.it
Lunedì sera

‘t li soi cos’a ra fò ra Cairèis?, una puntata dedicata alla ripartenza del settore giovanile

Saranno presenti Alberto Gaiero, Sergio Soldano e Giorgio Caviglia

Cairo Montenotte. Dopo la splendida cavalcata degli anni più belli della storia della Cairese e alcune puntate a più ampio spettro come quella in occasione della Giornata della Memoria e quella dedicata alla Giornata Internazionale della Donna, ‘t li soi cos’a ra fò ra Cairèis? propone il terzo appuntamento dedicato alla ripresa dello sport e a tematiche inerenti l’attività fisica e la salute.

Due settimane fa, è stato sondato il parere delle società di Eccellenza, chiamate a tornare in campo. Settimana scorsa, invece, insieme al dottor Manlio Venturino e al fisioterapista Matteo Lecquio si è indagato i rischi di una ripresa dopo un lungo stop.

Questa volta, l’accento verrà posto sul settore giovanile. La “giovine Cairese” è da sempre al centro dell’opera della società e per questo si è deciso di trattare un tema così delicato insieme al dottor Alberto Gaiero, primario di pediatria e neonatologia dell’ospedale San Paolo di Savona. Lo sport dopo una lunga inattività e le ricadute dell’assenza dello stesso per molto tempo alcuni dei temi che verranno sviscerati.

Insieme a lui, saranno ospiti il preparatore atletico dell’Asd Cairese Giorgio Caviglia e il responsabile tecnico della “cantera” gialloblù Sergio Soldano, per parlare di proposte su modi e tempi del rilancio del calcio dei più piccoli.

L’appuntamento è per lunedì 29 marzo.

Sarà possibile assistere al programma in diretta sulla pagina Facebook ufficiale della Asd Cairese (cliccando qui) a partire dalle ore 20,30. Il giorno dopo, la diretta sarà reperibile anche sul canale YouTube e sul sito della società.

leggi anche
  • Appuntamento settimanale
    ‘t li soi cos’a ra fò ra Cairèis?, la puntata del 29 marzo

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.