Calcio

Serie D: una vera bufera il caso Folgore Caratese-Brarisultati

Lo speciale del Ct Vaniglia

Si può inopinatamente sostenere che quella trascorsa a Carate Brianza non sia stata una domenica facile per il giovane arbitro Di Loreto della sezione di Terni (classe 96), uscito dal campo scortato dai carabinieri. Il suo arbitraggio è finito sul banco degli imputati, poiché ha assegnato ben due rigori al Bra ed espulso un calciatore della Folgore Caratese sull’1-1, gara poi finita 1-4.

Ma non finisce qui perché c’è un episodio sconcertante su cui far luce e a tal proposito la Caratese ha già diramato un durissimo comunicato stampa. A scatenare l’ira dei dirigenti lombardi a quanto pare è stata una grave frase razzista dell’arbitro. Sembrerebbe che quando la gara era sull’1-1 con un rigore a favore del Bra, causato da un fallo commesso dal classe 2000 Ngom, l’arbitro avrebbe detto: “il vostro negro ha commesso fallo prendetevela con lui non con me”.

Di Loreto ha preteso l’intervento  dei carabinieri per uscire dallo stadio e la società brianzola indignata per tale comportamento ha annunciando una dura presa di posizione nei confronti di AIA, LND e FIGC.

La polemica non si è certo placata così come il malumore dei dirigenti della Folgore Caratese nei confronti del giovane fischietto finito sul banco degli imputati. La Procura Federale nei prossimi giorni aprirà un fascicolo ed è pronta una inchiesta dopo un’accesa richiesta da parte della Folgore. Il club brianzolo vuole avere delle risposte certe sui fatti accaduti e chiede di indagare federalmente su Marco Di Loreto. Nel frattempo sembra scontata la decisione di Gervasoni di sospendere l’arbitro in questione fin quando non saranno emerse le eventuali responsabilità dell’arbitro di Terni.

L’amarezza che ha dovuto ingoiare il team del presidente Criscitiello è stata duplice: della sconfitta in primis ma anche del punteggio che l’ha caratterizzata. La Folgore Caratese è infatti affondata sul campo amico contro l’ambizioso Bra vicecapolista con il punteggio di 1-4.La pattuglia di Emilio Longo non perdeva sul campo amico da cinque gare, ovvero da quando subì un netto 3-0 da parte del Chieri.

Più informazioni