Il prefetto Cananà ringrazia Alber Baca, "l'angelo" del Bel Sit di Alassio: "Iter cittadinanza prosegue" - IVG.it
Applausi

Il prefetto Cananà ringrazia Alber Baca, “l’angelo” del Bel Sit di Alassio: “Iter cittadinanza prosegue”

La richiesta di cittadinanza speciale è ora all’esame dei competenti organi governativi

Alassio. Il giovane Alber Baca (detto Albi Albino), che durante i mesi di febbraio e marzo 2020 si era prodigato efficacemente per tutte le necessità degli ospiti in isolamento in due hotel di Alassio – tra cui il Bel Sit -, oggi ha ricevuto parole di apprezzamento dal prefetto di Savona Antonio Cananà.

Un ringraziamento per “la pregevole condotta tenuta nell’occasione, che ha rappresentato un encomiabile esempio di impegno e abnegazione per il bene comune, a sostegno delle persone colpite dalla pandemia” fanno sapere dalla prefettura.

Il giovane, di origini albanesi, è stato accolto dal prefetto con la promessa che “lo stato e le prospettive della pratica di acquisizione della cittadinanza per meriti speciali, dopo gli adempimenti istruttori svolti dalla Prefettura di Savona, è ora all’esame dei competenti organi governativi”. L’incontro si è concluso con il comune auspicio di un esito positivo del procedimento.

Alber Baca, per la sua condotta esemplare, aveva già ricevuto l’Alassino d’Oro 2020.

leggi anche
  • Burocrazia maledetta
    Ferma la pratica per la cittadinanza italiana ad Albi Baca, l’albanese che si rinchiuse al Bel Sit per assistere i turisti
  • Premio
    L’Alassino d’Oro ad Albi Albino, “l’angelo” del Bel Sit all’inizio della pandemia Covid
  • Iniziative
    “Un anno di Covid. Come i ragazzi si sono reinventati”: domani un webinar organizzato dal Leo Club Alassio

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.