Futuro del porto

Savona e pianificazione portuale, minoranze: “Necessaria condivisione”. Arecco: “A decidere è l’Autority”

La questione è stata ampiamente discussa in Consiglio comunale

porto savona

Savona. E’ stato approvato oggi in Consiglio comunale a Savona, con 18 voti favorevoli, la proposta deliberativa sul documento di pianificazione strategica dell’Autorità di Sistema Portuale, propedeutico al nuovo piano regolatore.

“Il Piano strategico portuale è uno strumento nuovo, importante e fondamentale nell’ottica di una revisione dei rapporti tra porto e città” ha affermato la consigliera del PD Elisa Di Padova, ma aggiunge, insoddisfatta dell’incontro di oggi: “Riteniamo che avrebbe potuto essere l’occasione per aprire la città a una discussione sulle questioni più importanti che hanno a che fare con il suo porto, soprattutto rispetto a tutti i temi su cui è necessaria condivisione e una co-progettazione”.

“Questa giunta ha avuto un anno di tempo per farlo, invece ha scelto la strada ‘tecnica’ mettendo ancora una volta la politica da parte – continua Di Padova -. Come consiglieri abbiamo avuto pochissimi giorni per poter studiare, esaminare, analizzare il Piano e su quello proporre osservazioni. Il Consiglio non è mai stato informato o coinvolto sugli approfondimenti avvenuti. Tantomeno la città, privata di meccanismi e azioni di partecipazione vera rispetto ai temi presenti sul Piano”.

“Eppure su quel piano ci sono ‘i titoli’ e l’impostazione strategica di alcune delle partite più importanti che il nostro territorio nei prossimi anni si giocherà nell’ambito dello sviluppo e della sostenibilità. Pensiamo alla gestione condivisa con la città delle aree demaniali, all’Aurelia bis, al rinnovamento energetico, all’implementazione del collegamento porto città su ferro. La condivisione non è avvenuta e questa pratica va nello scaffale più pieno di questa amministrazione comunale: quello delle occasioni perdute” conclude il capogruppo Dem.

Anche il capogruppo del M5S, Manuel Meles, ha ragionato in chiave di condivisione: “Andava cercato un percorso partecipato, cercando di proporsi non solo alla parte politica ma anche alla cittadinanza – ha affermato in Consiglio -. Il porto è infatti un particolare tipo di infrastruttura che incide in maniera profonda sull’assetto urbano”.

In occasione è intervenuto il vicesindaco Arecco, chiarendo: “Il Comune non progetta nulla. Noi abbiamo definito alcune situazioni in merito alle quali possiamo partecipare ad una co-progettazione ponendo delle linee guida, degli indirizzi da seguire, ma le decisioni operative spettano ad Autorità Portuale”.

leggi anche
Municipio Savona
Ok
Volontariato, il consiglio comunale di Savona approva all’unanimità l’ordine del giorno dei consiglieri Pasquali e Olin
Porto Vado Ligure
Oggi si vota
Porto di Vado, sì del Comune alla pianificazione strategica: “Viabilità ad hoc per i Tir e nuovo waterfront”
Paolo Forzano
Lettera
Pianificazione strategica Autorità Portuale, Forzano: “Vado sa fare, Savona no”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.