Padel, Andora: concluso con successo il primo Open nazionale Fit - IVG.it
Alto livello

Padel, Andora: concluso con successo il primo Open nazionale Fit fotogallery

Scommessa vinta per i fondatori dell'Asd Padel Andora che nel 2017 hanno aperto il primo circolo in Liguria

Andora. Successo per il primo Open nazionale Fit di padel organizzato dall’Asd Padel Andora, che è riuscita a coinvolgere nel torneo importanti campioni nazionali.

Due giorni di partite avvincenti, senza pubblico, nel pieno rispetto delle normative sanitarie, che alla fine hanno visto il titolo maschile andare al messicano Mauricio Lopez Algarra e Federico Beltrami (attualmente numero 19 in Italia), prevalendo in due set, 64 64, su Alessandro Belotti e Nicolas Malek, mentre nel femminile hanno vinto le genovesi Lucia Cortimiglia e Alessia Cusato per 62 64 in finale su Chiara Sangiorgio e Carlotta Colombo. Il torneo ha visto circa duecento partecipanti, arrivati da tutta Italia.

Nel tabellone maschile sono giunti in semifinale Roberto Grammatica e Giovanni Barletta (sconfitti 61 61 da Lopez Algarra e Beltrami) e Nicolò Cotto e Tommaso Cotto (superati 36 63 63 da Belotti e Malek). In quello femminile, semifinaliste Beltrami e Dalbon (piegate 63 36 76 da Cortimiglia e Cusato) e Cravero e Pistis (battute 63 63 da Sangiorgio e Colombo).

Una grande soddisfazione per i soci fondatori Roberto Nattero, Andrea Lampis e Andrea Braga dall’Asd Padel Andora, primo circolo ligure, fondato nel 2017, dedicato a questo sport che in pochi anni ha conquistato molto appassionati. Particolarmente apprezzato il campo da gioco andorese a pochi passi dal mare.

Nattero, Lampis e Braga hanno compreso le potenzialità del padel che in breve tempo ha conquistato tanti praticanti di tutte le età. Il circolo è divenuto un punto di riferimento tanto che, in pochi anni, ha conquistato una credibilità che ha permesso di organizzare un evento nazionale che ha portato in riviera nomi importanti di questa disciplina.

Una grande soddisfazione – hanno dichiarato gli organizzatori -. Naturalmente auspichiamo di potere in futuro realizzare una competizione aperta al pubblico per permettere ai tanti appassionati di vedere le sfide fra campioni“.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.