Movimento

“Non una di meno” lancia lo sciopero femminista: “Ci vogliamo vive, ci vogliamo libere”

Lunedì 8 marzo alle 15 in piazza Giulio II a Savona

Savona. “Essenziale è il nostro sciopero, essenziale è la nostra lotta” è lo slogan della manifestazione promossa per lunedì 8 marzo alle 15 in piazza Giulio II a Savona da “Non una di meno”, collettivo contro la violenza di genere.

Sarà uno “sciopero femminista e transfemminista, della produzione, della riproduzione, del e dal consumo, dei generi e dai generi”.

“Non vogliamo tornare alla normalità, perché la normalità è il problema – si legge nel manifesto della protesta – La normalità è violenza di genere, molestie, discriminazione salariale ed oppressione. Il prezzo dell’emergenza sanitaria è stato pagato come sempre dalle donne, che hanno fatto i doppi turni negli ospedali, che hanno perso il nostro lavoro (98% dei licenziamenti a dicembre), che hanno subito violenza dalla persona con cui eravamo obbligate a stare chiuse in casa e sono state ammazzate (15 donne uccise in due mesi)”.

“Ci vogliamo vive, ci vogliamo libere. Ci vediamo nella zona fucsia di pazza Giulio II”, è l’invito del gruppo.

Più informazioni