Ipotesi

Ipotesi scuola durante l’estate, Acerra: “Attività per recuperare le lacune da lockdown”

Si pensa a lezioni e corsi 'personalizzati' il più possibile "per riavvicinare i livelli e evitare che aumentino le differenze"

Generica

Liguria. L’apertura delle scuole durante l’estate per permettere agli studenti di recuperare, almeno in parte, le lacune eventualmente accumulate durante questi lunghi mesi, passati tra lockdown e didattica a distanza. Questa l’ipotesi a cui starebbe pensando la Direzione Scolastica della Liguria.

“Ci stiamo lavorando, è fattibile, ma non deve essere vissuto come un obbligo ma come un’opportunità per le famiglie per offrire un piano integrato di attività personalizzate – spiega il direttore ligure Ettore AcerraNon si tratterebbe di prorogare la durata del calendario, quanto di prevedere attività per colmare il gap educativo, le lacune che il lockdown ha provocato nonostante l’intenso lavoro delle scuole”.

Si tratterebbe quindi di attività miste tra volontarie e forse solo in parte obbligatorie, studiate sulla misura di ogni singolo studente in base alle necessità e alle puntuali carenze evidenziate in questi mesi “personalizzate per riavvicinare i livelli e evitare che aumentino le differenze“, conclude Acerra. Un tentativo per dare ai ragazzi altre possibilità di apprendimento e alla scuola una chance per non lasciare indietro nessuno. O almeno provarci.

Più informazioni
leggi anche
vaccino covid
Informazione
Covid, continuano le attività di formazione del Rotary Club di Albenga dedicate alla scuola
vaccino covid
Attacco
Vaccini scuola, Pastorino contro Toti: “Liguria fanalino di coda, solo l’1% del personale”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.