Il sindacato dei medici radiologi: "Da troppo tempo attendiamo il rinnovo del contratto" - IVG.it
Lettera

Il sindacato dei medici radiologi: “Da troppo tempo attendiamo il rinnovo del contratto”

Il segretario provinciale del sindacato Area Radiologica Duccio Buccicardi ha scritto al sottosegretario Sileri

Savona. Il segretario provinciale del sindacato medico di Area Radiologica (Snr-Fassid) Duccio Buccicardi ha scritto al sottosegretario al Ministero della Salute Pierpaolo Sileri.

“Durante il corrente periodo pandemico, da più parti e in più occasioni, i medici ospedalieri italiani sono stati definiti eroi… Abbiamo semplicemente svolto il nostro lavoro con la solita diligenza, professionalità, generosità, coraggio e spirito di abnegazione. Molti di noi hanno rinunciato per mesi a ferie e riposi e tutti noi abbiamo accumulato decine di ore di lavoro extra (per le quali non è contrattualmente prevista alcuna retribuzione), lavorando indifferentemente di giorno e di notte, nei giorni feriali e festivi” afferma nella missiva.

“Considerato che il nostro contratto collettivo di lavoro è già scaduto da due anni e tre mesi e che l’ultimo rinnovo contrattuale è stato firmato con più di 10 anni di ritardo, alla maggior parte degli “eroi” basterebbe ottenere un rinnovo contrattuale in tempi ragionevolmente rapidi, che preveda una retribuzione finalmente coerente con il ruolo generosamente accordatoci (l’attuale livello retributivo dei medici ospedalieri italiani, comparato al costo della vita, è il penultimo dell’Europa a 27 Paesi, superiore al solo Portogallo)” spiega l’esponente sindacale.

“Mi è stato riferito che Sileri ha letto personalmente il messaggio, condivide appieno le considerazioni espresse e promette il massimo impegno nel supportarle presso i ministri competenti. Ho inoltrato analoga richiesta al ministro della Salute Speranza, senza ottenere considerazione alcuna” conclude.

Più informazioni

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.