Commento

Festival di Sanremo, Toti: “Sempre stato favorevole, organizzarlo è stato un atto di coraggio”

E si complimenta con Amedeus e Fiorello. Questa sera salirà sul palco per premiare il vincitore della categoria Nuove proposte.

Liguria. Questa sera all’Ariston la quarta puntata del 71° Festival di Saremo, a salire sul palco anche il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti che premierà il vincitore delle nuove proposte. Nella consueta conferenza stampa, il governatore non ha mancato a fare i complimenti a presentatori e staff per un’edizione che lo stesso Toti ha sempre sostenuto, anche e soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria. 

“Devo complimentarmi con Amadeus, Fiorello e con tutti i loro collaboratori – ha detto – perché fare il festival quest’anno non era un lavoro facile: la sala vuota e la pressione di un paese fuori che vive, proprio in queste ore, un momento ancora di inquietudine. È stato un grande atto di coraggio“.

“Quando il sindaco di Sanremo, la Rai e tutti i dirigenti mi hanno chiesto cosa pensavo di fare per il Festival di Sanremo ho risposto che ero assolutamente favorevole – ha continuato – perché credo che il Covid abbia già sufficientemente piegato la nostra civiltà: ha ucciso i nostri nonni, i nostri genitori, ha spesso colpito i nostri familiari, non dovevamo consentirgli anche di piegare l’abitudine di guardare uno spettacolo che dura da settant’anni. Io questo credo che non dovessimo concederlo al Covid, anche se con tutte le limitazioni e le precauzioni del caso”.

“Sono state e saranno belle serate, anche se con un pizzico d’amaro – ha proseguito Toti -. Ieri ho incontrato le associazioni del commercio e dell’artigianato della città di Sanremo che si sono dovute fermare perché, come sapete, il Ponente della Liguria è una zona dove il virus non sta affatto scherzando e dobbiamo essere molto prudenti. Però stava un po’ nelle regole di ingaggio di questa nostra vita che cambia di minuto in minuto, come è ovvio che sia, per rispondere a una minaccia così grave”.

“Credo però che questo non cambi il segno della decisione che abbiamo preso tutti insieme di festeggiare questo momento di tradizione italiana ed è anche un momento importante, come ha ricordato Gigi D’Alessio, per il mondo dello spettacolo, un mondo gigantesco in cui ci sono tante persone che hanno fatto successo, che sono fortunate, che forse potrebbero anche permettersi di fermarsi sei mesi, ma dietro quelle persone ce ne sono tante altre che vivono del loro stipendio, della loro creatività, del loro mestiere ed è giusto che anche in questo senso sia dato un segnale di speranza: presto tanti palcoscenici come quelli dell’Ariston torneranno ad accendersi con tutte le misure necessarie” ha concluso Toti.

leggi anche
  • Intervista
    Sanremo, successo per Annalisa con la cover “La musica è finita”: “Sono orgogliosa, ne sono innamorata”
  • "evitabile"
    Nello spot della Liguria il Festival di Sanremo “fa addormentare tutti”, Amadeus: “Battuta evitabile, non è buona pubblicità”
  • Vetrina importante
    “Benvenuti a Savona” oggi a Casa Sanremo: il dj Andy Life canterà il suo brano sulla rivalità con i “foresti”
  • Primi responsi
    Festival di Sanremo, la savonese Annalisa in testa alla classifica dopo la prima serata
  • "mi dai un passaggio?"
    Ibrahimovic in coda per l’incidente in A10: sale sulla moto di uno sconosciuto per arrivare al Festival
  • Intervista
    Parla Annalisa: questo Festival strano, 10 anni di musica e nuovo disco

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.