Decine di furti alle estetiste del Nord Italia, arrestato savonese - IVG.it
In carcere

Decine di furti alle estetiste del Nord Italia, arrestato savonese

Aveva a suo carico un obbligo di dimora, ma la tentazione lo ha spinto fuori dal suo comune violando anche le norme anti Covid

Generica

I carabinieri della Stazione di Savona, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emesse dall’Autorità Giudiziaria di Cuneo, hanno arrestato F.M., 40enne di Savona, ritenuto responsabile di decine di furti in centri estetici in tutto il nord Italia.

Il modus operandi era sempre lo stesso: il 40enne, fingendosi interessato ad alcuni trattamenti estetici da regalare sotto forma di “buono” a amici o parenti, entrava in esercizi commerciali specializzati (centri estetici, centri benessere, ecc.) e approfittando di un momento di distrazione dell’operatrice, sottraeva il denaro presente all’interno della cassa e/o dalle borse che le commesse o le titolari dei centri ripongono abitualmente sotto il bancone dell’accettazione.

Con queste modalità, il savonese a partire dal 2018, ha messo a segno decine di furti in tutto il nord Italia, tanto da diventare “famoso” ed essere ormai soprannominato nell’ambiente come “il Killer delle estetiste”. Infatti, come riferito in più occasioni dalle vittime, la voce si era ormai sparsa fra i titolari di esercizi commerciali che, tramite social network e applicativi di messaggistica, si allertavano a vicenda, quando subivano un furto o un tentativo di furto.

L’unica precauzione che il soggetto ha sempre mantenuto è stata quella di evitare di svolgere le sue azioni criminose nel comune di Savona.

Il soggetto non ha interrotto la sua attività nemmeno nel gennaio 2021, quando è stato colpito dall’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Savona e della presentazione quotidiana alle forze dell’ordine, emessa dal Tribunale di Cuneo. Infatti nel mese di marzo, ha tentato, questa volta senza riuscirci, di mettere a segno l’ennesimo furto, con le stesse modalità, nel comune di Chieri, violando così anche le normative anti contagio da Covid 19, attualmente vigenti.

In seguito a quest’ultimo episodio, debitamente segnalato, l’Autorità Giudiziaria, concordando con le risultanze investigative, ha disposto per il quarantenne la misura cautelare degli arresti domiciliari, eseguita oggi dai militari.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.