Dantedí, Varazze ricorda il Sommo Poeta coi disegni degli alunni e le letture dei suoi più celebri - IVG.it
25 marzo

Dantedí, Varazze ricorda il Sommo Poeta coi disegni degli alunni e le letture dei suoi più celebri fotogallery

L'iniziativa dell’istituto comprensivo

Varazze. Disegni e cartelloni raffiguranti le suggestioni dell’Inferno realizzati dalla fantasia degli alunni dell’istituto comprensivo di Varazze, ma anche letture di sonetti tratti da “La Vita Nova” e passi celebri della Divina Commedia per celebrare la giornata dedicata al Sommo Poeta a settecento anni dalla sua scomparsa.

Così anche Varazze rende omaggio a Dante Alighieri con l’iniziativa promossa dall’ assessore alla cultura Maria Angela Calcagno insieme agli insegnanti, agli alunni della classe quinta della scuola primaria di Casanova e ai ragazzi delle classi seconde A, B, D ed E della secondaria di primo grado “ De André”.

È stato realizzato anche un video trasmesso da TeleVarazze, “Le donne di Dante”, in cui gli attori del Teatro Don Bosco omaggiano Dante con la lettura di sonetti da “La Vita Nova” e di alcuni tra i brani più famosi tratti da ogni cantica della Divina Commedia: il passo di Paolo e Francesca per l’Inferno, Matelda per il Purgatorio e la preghiera alla Vergine di San Bernardo per il Paradiso.

In considerazione dell’impegno profuso dagli alunni e dai loro insegnanti, per questo importante evento di valenza nazionale, e sempre sensibili alle tematiche legate alla preparazione socio-culturale dei giovani e giovanissimi concittadini, l’Unitre di Varazze ha istituito una borsa di studio di 200 euro, mentre, la direzione del centro commerciale “Corte di Mare” mette a disposizione delle classi partecipanti un buono acquisto di 100 euro da spendere presso la Coop di Varazze. Sia la borsa di studio che il buono acquisto saranno consegnati sabato 18 settembre 2021, in occasione della decima edizione del “Lanzarottus Day”, giornata di ricordo e commemorazione dell’impresa compiuta da Lanzarotto Malocello.

L’assessore alla cultura Mariangela Calcagno afferma: “L’importanza della Divina Commedia, che ha valore universale in quanto essa rappresenta, attraverso il viaggio dantesco, un percorso verso la liberazione dai vincoli del male e dalle sue nefaste conseguenze per l’uomo e la collettività.”

Il vice sindaco Luigi Pierfederici ribadisce “l’importanza del Sommo poeta che attraverso le sue opere, nelle quali sono coinvolti tutti gli aspetti dell’umano sapere, ha ben rappresentato un affresco dell’umanità. La Divina Commedia è più che mai attuale perché infonde la speranza di riuscire presto ‘a riveder le stelle'”.

“Gli alunni della classe quinta della scuola primaria di Casanova – scrive il professor Stefano Pastorino – stanno giocando a conoscere il Sommo Poeta, girovagando tra le tre cantiche della ‘Divina Commedia’. Si comincia a studiare perché Dante ha scritto cose che nessuno ha mai saputo dire prima; perché, parlando dell’aldilà ha parlato anche dell’aldiquà, cioè di questo mondo e di tutto ciò che riguarda noi, la nostra vita, persino il nostro futuro. Perché il più incredibile viaggio che si possa fare, Dante lo ha fatto anche per noi, per mostrarci la vita che ognuno dovrebbe percorrere. Ha parlato dei concetti più difficili e dei sentimenti, delle paure, delle debolezze e delle speranze che chiunque sente ogni giorno. Perché tutti, sin da subito, hanno capito che si trattava di un capolavoro inimitabile. Perché queste cose le ha dette nella maniera più perfetta, quasi inventando la lingua italiana.”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.