Cultura della legalità, ragazzi “a lezione” dai carabinieri: incontro con gli alunni della Benedetto Croce di Andora - IVG.it
Educazione civica

Cultura della legalità, ragazzi “a lezione” dai carabinieri: incontro con gli alunni della Benedetto Croce di Andora

Andora. Nel pieno rispetto delle rigorose misure contro il Covid, l’Arma dei Carabinieri ha incontrato, in due momenti distinti, questa mattina, le due classi seconde della Scuola secondaria di primo grado Benedetto Croce di Andora. Il dirigente scolastico Silvio Peri e lo staff di insegnanti hanno promosso questo incontro di concerto con il comandante della locale stazione Carabinieri, luogotenente Giorgio Santopoli.

Lo scopo dell’incontro è stato quello di promuovere la cultura della legalità e l’educazione Civica, il rispetto delle regole, la conoscenza di base delle prescrizioni, degli obblighi, dei divieti che costituiscono il perno fondamentale della vita in comunità, specialmente in ambito scolastico.

Tanti sono stati gli argomenti sui quali è nato un piacevole e simpatico confronto, dibattito, vivace discussione con gli alunni, molto interessati, attenti, curiosi: il bullismo, alcuni fatti noti alle cronache per i risvolti drammatici, l’uso del cellulare, il comportamento in classe e le relazioni con i compagni di banco, atteggiamenti da evitare che potrebbero sfociare in atti di prevaricazione, scherzi pesanti forieri di conseguenze per “alunno indifeso” da non praticare assolutamente, il rispetto per le cose, l’ambiente che ci circonda a volte preso di mira per ostentare la propria supremazia richiamando l’attenzione del gruppo.

Numerose le domande riguardo i rischi legati l’uso distorto del cellulare e dei social network, sui quali si è focalizzata l’attenzione, in chiave di prevenzione, da parte dei “Carabinieri – docenti”, che semplicemente hanno rappresentato i pericoli e le conseguenze che si annidano sull’utilizzo disinvolto, a volte irragionevole e scellerato, di certe dinamiche tecnologiche.

La curiosità poi si è estesa sulla “professione” del carabiniere: sono state illustrate le modalità di accesso all’Arma dei carabinieri e le rispettive funzioni. La giornata solare e il luogo molto ospitale e ampio, l’anfiteatro adiacente al palazzo Tagliaferro, sono stati la cornice di questa semplice giornata, vissuta con simpatia, distensione, attenzione, curiosità ed interesse. Il tempo è così volato con l’augurio, da parte dei Carabinieri, di rivedersi il prossimo anno, tutti promossi alla classe terza.

L’arma dei Carabinieri continuerà le sue visite agli istituti scolastici del territorio, secondo le modalità che di volta in volta saranno programmate con i rispettivi docenti e gli insegnanti.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.