Covid, analisi Coldiretti: "Con stop ristoranti e bar in aumento spesa domestica" - IVG.it
Tendenze

Covid, analisi Coldiretti: “Con stop ristoranti e bar in aumento spesa domestica”

Per i pasti a casa e per preparare gavetta da portare in ufficio, importante scegliere prodotti a km0 di Campagna Amica, sempre freschi e di qualità garantita

spesa domicilio

Liguria. Con la chiusura del servizio al tavolo e al bancone di bar, ristoranti, pizzerie, agriturismi ed ittiturismi, anche in Liguria aumenta la spesa domestica in supermercati, negozi e presso i mercati degli agricoltori di Campagna Amica, dove si stima un aumento della spesa in media del 20% lungo la Penisola rispetto alla scorsa settimana.

E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti che evidenzia la tendenza degli italiani a cogliere una delle occasioni per uscire per andare alla ricerca di prodotti alimentari da consumare a casa, per preparare la gavetta da portare in ufficio o semplicemente per farsi un panino o la pizza per la pausa pranzo al lavoro. Ad essere maggiormente richiesti sugli scaffali sono i prodotti di base della dieta mediterranea come frutta e verdura, ma anche pasta, riso, uova, farina, zucchero, salumi, formaggi e vino.

“Un’esigenza rafforzata, anche in Liguria, – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa –  dalla chiusura per servizio al tavolo e al bancone di circa 13mila attività di ristorazione, a causa della zona arancione che travolge le tre settimane che finiscono con gli appuntamenti delle feste di Pasqua e Pasquetta. Anche in questi momenti di emergenza non bisogna dimenticare che la catena produttiva, logistica e distributiva riesce a garantire i beni necessari per le famiglie italiane grazie al lavoro nostri agricoltori e pescatori che non si sono mai fermati nonostante le innumerevoli difficoltà di questi mesi.  Con l’attuale emergenza l’invito alla distribuzione commerciale ed ai consumatori è quindi quello di privilegiare sugli scaffali prodotti Made in Italy duramente colpiti dalla chiusura della ristorazione che ha un effetto negativo a cascata sull’agroalimentare nazionale. Per non cadere nell’inganno dei prodotti importati spacciati per Made in Italy è importante inoltre verificare sempre l’origine nazionale in etichetta e, per sostenere l’economia del territorio,  privilegiare gli acquisti direttamente dagli agricoltori locali, direttamente in azienda o presso i mercati di Campagna Amica Liguria, dove i prodotti sono anche più freschi e di qualità sempre garantita.”

leggi anche
draghi polizia controlli lockdow
Emergenza covid
Una zona gialla rafforzata per ripartire dopo Pasqua: l’ipotesi sul tavolo del governo

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.