Collegamenti per vip in elicottero per sfuggire all’inferno delle nostre autostrade - IVG.it
Progetto di alassio

Collegamenti per vip in elicottero per sfuggire all’inferno delle nostre autostrade

Si potrebbero effettuare anche voli turistici. Contatti con l’assessore regionale Berrino

Alassio. È un progetto ambizioso che muove i primi passi e si inserisce in quel quadro di turismo di qualità – in questo caso si potrebbe parlare certamente di grande qualità – di cui la Riviera ha tanto bisogno. Parliamo della possibilità di usufruire di voli privati in elicottero per collegare vari centri della Liguria, raggiungere le nostre città più prestigiose dal Nord e dall’estero, effettuare voli turistici.

Capofila del progetto è Alassio, dove ieri si è svolta una prima riunione, indetta dal Comune, a cui hanno partecipato la Società di gestione dell’aeroporto di Villanova, la ditta che dovrebbe fornire gli elicotteri, la Mycoptet, già attiva proprio a Villanova, e l’Upa, l’Unione Provinciale Albergatori, con il direttore Carlo Scrivano. Altro soggetto fondamentale è la Marina Spa di Alassio, visto che l’eliporto potrebbe sorgere, effettuati gli studi del caso, in punta alla banchina lato Gallinara del porticcioli turistico Luca Ferrari.

Spiega il presidente del Consiglio Comunale di Alassio, Massimo Parodi: “Prima era un sogno, ora è l’inizio di un progetto di cui abbiamo parlato anche con l’assessore regionale al Turismo Gianni Berrino. È un settore di nicchia, per vip, ma dalle buone potenzialità perché sono più di quante si possa pensare le persone che possono permettersi di spendere una certa cifra pur di non finire nell’inferno delle nostre autostrade per raggiungere Alassio ad esempio da Milano”.

Aggiunge il vicesindaco Angelo Galtieri: “Potremmo anche offrire la possibilità di voli turistici su costa ed entroterra, questa volta alla portata di un numero assai maggiore di persone. Verrà il momento della ripresa post Covid e non dobbiamo tralasciare alcuna opportunità”.

Ancora Parodi: “Abbiamo già preso contatti con altre località, e altre ancora cercheremo di coinvolgere, per una ‘rete’ che potrebbe comprendere Finale, Savona, il Tigullio e le Cinque Terre, Genova e Imperia, ma siamo ovviamente disposti ad accettare le ‘candidature’ di tutti i Comuni che fossero interessati al progetto”.

Conclude Parodi: “Ovvio che un eliporto attrezzato e funzionale sarebbe molto utile anche per i trasporti e le emergenze sanitarie, come dimostrano i tragici eventi di questi giorni”.

Spiega invece Carlo Scrivano: “Servizi come questo sono all’ordine del giorno a Monaco e Costa Azzurra, non vedo perché non dovremmo almeno provarci anche noi. Non è raro che la nostra clientela di élite ci chieda se esista un servizio di elicotteri privati o se sia possibile effettuare voli turistici”.

Volare alto per una volta potrebbe non essere solo uno slogan.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.