Celle, la protesta: "Devastata la macchia mediterranea al Bouffou, rovinato scorcio meraviglioso" - IVG.it
Opposizione

Celle, la protesta: “Devastata la macchia mediterranea al Bouffou, rovinato scorcio meraviglioso”

Il Comune chiede ad Anas chiarezza e spiegazioni

Celle Ligure. “Orribile sfregio al territorio. È stato devastato uno dei più bei tratti di macchia mediterranea: la parete sopra l’Aurelia, al Bouffou. Una ferita per il nostro paese”. Cellesi in rivolta “per quel tratto di verde che, oggi, sulla parete rocciosa non esiste più”.

Immediata la reazione dell’Amministrazione Comunale che chiede ad Anas, che si è occupata di mettere in sicurezza il tratto intervenendo in questi giorni, “ampie e veloci spiegazioni di quanto successo affinché sia fatta chiarezza sulle procedure messe in campo in questa operazione”. Torniamo ai cellesi che hanno chiamato IVG: “Si è usata una mano pesantissima. Bisogna rimediare subito. Fatevi un giro: località Piani, direzione Varazze, prima di salire all’autostrada. Un ampio tratto di roccia dove non esiste più niente e, per di più, il tutto impacchettato da teli marroni”.

I tecnici hanno lavorato in queste settimane per mettere in sicurezza la parete, con griglie protettive, ma il risultato non piace. I cellesi aspettano risposte, il Comune chiede ampie spiegazioni. “La macchia mediterranea di quella zona che sovrastava la striscia di asfalto dell’Aurelia costituiva sicuramente uno dei tratti più caratteristici di Celle“. Continuano in paese: “Un contrasto di colore spettacolare: quel verde smeraldo contro il turchese del mare”. I cellesi lo rivogliono.

Più informazioni
leggi anche
  • Viabilità
    Celle, automobilisti esasperati in coda: sbucano altri 4 semafori sull’Aurelia a causa di lavori in corso
  • Risposta
    Celle, Comune chiede rimozione teli dalla parete rocciosa in zona Bouffou. Anas li toglierà nei prossimi giorni
  • Obiettivo raggiunto
    Celle, Anas al lavoro per rimuovere i teli in zona Bouffou

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.