Novità

Albisola Superiore, in vigore dall’1 aprile l’imposta di soggiorno. Comune: “Utile per potenziare il turismo cittadino”

"Mezzo per entrare a fare parte di un sistema comprensoriale ampio ed organizzato"

Albisola Superiore. Il consiglio comunale della Città di Albisola Superiore, nella seduta di lunedì 15 marzo, ha approvato il nuovo regolamento comunale per l’applicazione dell’imposta di soggiorno che, dopo l’anno di sospensione deciso dall’Amministrazione comunale in occasione dell’emergenza sanitaria, entrerà in vigore a partire dal 1 aprile 2021.

“Albisola Superiore – spiegano dal Comune – va quindi ad aggiungersi, insieme ad Albissola Marina, ai Comuni di Alassio, Albenga, Loano, Toirano, Borghetto, Pietra Ligure, Finale Ligure, Noli, Spotorno, Varazze e Tovo San Giacomo, che dal 2018 hanno introdotto, nel rispetto del Patto Strategico del Turismo in Liguria, l’imposta di soggiorno al fine di finanziare interventi per lo sviluppo dell’economia turistica“.

“Tutti i Comuni – continuano – che hanno istituito l’imposta e le associazioni di categoria del comparto, con la regia della Camera di Commercio, siedono al tavolo di coordinamento per lo sviluppo e la competitività del turismo nella Provincia di Savona, che ha il brand di “Ligurian Riviera” e che gestisce il fondo nel quale viene versato il 15% del gettito dell’imposta di ogni Comune. Questo fondo, gestito dalla Camera di Commercio, è utilizzato per finanziare servizi e prodotti turistici di interesse comprensoriale, come la Tourist Card, il sito, le attività di promozione, la partecipazione a fiere del turismo internazionali”.

L’assessore al turismo Luca Ottonello spiega che “l’imposta di soggiorno è un’opportunità per potenziare le politiche turistiche cittadine, anche attraverso un lavoro di rete con i Comuni della Provincia di Savona”. 

“L’imposta di soggiorno – prosegue l’assessore – è un’imposta di scopo vincolata esclusivamente a finanziare interventi in materia di turismo e promozione della città. Si tratta, inoltre, di un mezzo per entrare a fare parte di un sistema comprensoriale ampio ed organizzato, come quello presente nella Provincia di Savona, e di un brand turistico per promuovere e comunicare un territorio unico, come destinazione turistica fuori dai confini regionali e nazionali”.

“Il 60% del gettito dell’imposta – conclude Ottonello – potrà essere utilizzato esclusivamente per interventi inerenti lo sviluppo turistico del Comune di Albisola Superiore. Non si caricheranno, quindi, gli operatori turistici di costi aggiuntivi, ma semplicemente le loro tariffe verranno addizionate di un piccolo surplus a carico dei clienti turisti, per investimenti turistici sul territorio che andranno a vantaggio di tutti”.

Per tutte le informazioni relative all’applicazione dell’imposta (regolamenti, tariffe, riduzioni ed esenzioni) – concludono – si può consultare sezione dedicata sul sito web del Comune di Albisola Superiore”.

leggi anche
  • Poi
    Imposta di soggiorno, le due Albisole rinviano l’applicazione al 2021
  • Bilancio amaro
    Noli, introiti della tassa di soggiorno al ribasso: incassati poco più di 21 mila euro
  • I dati
    Albenga, calano gli introiti della tassa di soggiorno: il turismo non molla, ma è in affanno
  • Fondo
    Stop alla tassa di soggiorno: ai Comuni liguri 2,3 mln di euro
  • Unione storica
    Tavolo di coordinamento del turismo savonese: “Una voce unica per non essere più lasciati soli”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.