Annuncio

“Alassio è la gioia di vivere”: la piastrella di Mario Soldati torna restaurata sul celebre Muretto

Il ricordo di una stagione irripetibile con l’aristocrazia russa e inglese al Grand Hotel

piastrella mario soldati muretto alassio

Alassio. Le sorelle Luisella ed Angela Berrino, figlie del grande Mario Berrino, pittore ed inventore del turismo alassino e del celebre Muretto, hanno restaurato alcune delle celebri e storiche piastrelle poste sul Muretto in modo geniale dal loro straordinario genitore. Tra di esse c’è quella di Mario Soldati, scrittore e regista, che frequentò Alassio soprattutto per l’amicizia fraterna con Carlo Levi.

Soldati ha raccontato in una lunga lettera a me indirizzata i suoi soggiorni alassini, scrivendo che “anche durante il fascismo era bella e piacevole”. Soldati ricordava i suoi soggiorni al mitico Grand Hotel, ritrovo internazionale della bella gente a partire dall’aristocrazia russa e inglese. Sulla piastrella viene riportata una frase della lettera citata: “Alassio, la gioia di vivere”, una frase di buon augurio in un momento in cui la perla della Riviera di Ponente vive una crisi drammatica a causa delle chiusure per la pandemia.

Parlare di Mario Berrino è anch’esso di buon auspicio per il futuro del turismo e della vita stessa di Alassio perché, dopo i disastri della seconda guerra mondiale con il suo Caffè Roma, insieme ai fratelli, Mario ebbe tante idee vincenti che riportarono Alassio persino oltre i livelli raggiunti prima del conflitto. E Mario Soldati, che era anche un raffinato critico d’arte, apprezzava molto la pittura di quello che lui chiamava affettuosamente “il Mario di Alassio”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.