IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tolto a Lettieri l’incarico di vice sindaco di Loano, la solidarietà della Lega ed i possibili scenari per le amministrative

Una scelta che sembra una “vendetta” per la scelta di Lettieri di appoggiare, alle ultime regionali, il suo collega di movimento Brunetto

Loano. Non è rimasta confinata tra le mura loanesi la polemica conseguente alla decisione del sindaco Luigi Pignocca di togliere l’incarico da vice sindaco a Luca Lettieri. Arriva infatti da tutte le sezioni savonesi della Lega, partito di riferimento di Lettieri, l’unanime disapprovazione per una scelta che (come trapela dalla dichiarazione dello stesso ormai ex numero due di Palazzo Doria) lascia intravedere il sapore amaro di una “vendetta” per la scelta di Lettieri di appoggiare in toto, alle ultime regionali, il suo collega di movimento Brunello Brunetto e non Angelo Vaccarezza, quest’ ultimo sostenuto fortemente dal sindaco Pignocca, da tempo in orbita Cambiamo.

Solidarietà dalla Lega, dunque, ma anche timore per possibili future spaccature. L’appoggio di Lettieri ad un candidato alleato ma “diverso” da Vaccarezza e soprattutto lo smacco “di arrivare secondo in casa”, in quello che doveva essere per Vaccarezza il fortino nel quale raccogliere il massimo bottino di voti, sono le due braci che negli ultimi mesi hanno continuato a covare sotto le ceneri e che giusto ieri hanno rinfocolato l’incendio dello scontro politico, sfociato nella scelta di Pignocca di togliere l’incarico a Lettieri. Emblematica di questi timori è la presa di posizione di Antonio Caviglia, commissario della Lega di Alassio, che crede che “si possa riprodurre, questa volta in salsa loanese, la spaccatura del centro destra già sperimentata in casa alassina”.

L’ombra di “manovre esterne” proiettate sul comune di Loano lascia intuire che lo scontro sia altrove ma si riverberi con tutte le sue possibili conseguenze sulle prossime e ormai imminenti elezioni loanesi. Da un parte c’è Cambiamo con Vaccarezza, che spingerebbe per una candidatura a sindaco di Luana Isella; dall’altra Lettieri, il più votato della scorsa tornata elettorale, ma ora punito per la scelta di appoggiare Brunello Brunetto (scelta che, bisognerà pur dirlo, era più che prevedibile: Lettieri è leghista, Brunetto è leghista, è ovvio che il medico venisse sostenuto da un altro uomo del suo stesso partito).

A pochi mesi dalle elezioni comunali, con un sindaco Pignocca che ha completato i due mandati ed è quindi non rieleggibile come sindaco salvo novità legislative, la mossa di bocciare Lettieri come vice sindaco lasciandogli le deleghe da assessore potrebbe rappresentare un segnale e un “niet” su una possibile candidatura di Lettieri a sindaco. Scenario simile a quello che si sta delineando a Savona, dove il centro destra è immerso nelle polemiche, ma che a detta sempre di Caviglia potrebbe tranquillamente essere evitato “se tutti facessero una riflessione sulle conseguenze di una non auspicabile, ma possibile spaccatura”.

Va fatta anche una considerazione umana, dicono dalla Lega, su come Lettieri, da vent’anni protagonista della politica loanese, possa legittimamente aspirare ad essere colui che prenderà il timone dalle mani di Pignocca candidandosi a sindaco. “Una decisione inspiegabile: Lettieri ha sempre ottenuto grandi risultati, ha grande consenso, si fa in quattro per i cittadini. Sicuramente il risultato della Lega a Loano deve aver dato fastidio”, aggiunge Caviglia

Fino a che punto potranno spingersi le conseguenze di questa clamorosa “rottura” non è ancora calcolabile: certo è che non sarebbe così impensabile una reazione di Lettieri (sebbene al momento non acclarata, né confermata, dalle sue parole) che è si dispiaciuto, ma non parla di fratture insanabili.

Ma non sarebbe così impensabile che davanti all’imposizione delle segreterie di partito di candidare la Isella possa, con gesto eclatante, sbattere la porta e fare una sua lista alle elezioni. Da qui il possibile (ma non auspicabile per il centro destra) ripetersi dello scenario alassino, dove si litiga, ci si ricompatta, ma intanto il latte è versato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.