IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Servizi sanitari in Val Bormida, Pd: “Tempo scaduto, il sindaco Lambertini batta un colpo” foto

Il coordinatore Dem Simone Ziglioli e il consigliere Rodolfo Mirri tornano all'attacco sul deficit della vallata

Val Bormida. “E’ fondamentale rendere nuovamente attivi servizi che consentano di offrire un supporto negli ambienti di vita e di lavoro, garantendo la prevenzione e il mantenimento della salute in modo adeguato, ma soprattutto garantire una tempestività negli interventi emergenziali efficace e che non metta in pericolo la vita delle persone. Da tempo chiediamo interventi concreti, in un quadro complessivo, nel quale manca un punto di primo intervento e dove la presenza di una sola automedicale è insufficiente per un territorio vasto, e orograficamente particolare con oltre 40 mila abitanti e con un alto tasso di popolazione anziana”.

Così il coordinatore Pd Valbormida Simone Ziglioli interviene in merito alle questioni sanitarie valbormidesi ancora in sospeso, senza rinunciare ad un affondo al primo cittadino cairese.

“Ormai è scaduto il tempo per dare risposte concrete ai cittadini valbormidesi. Non è più tollerabile constatare il pressapochismo e la superficialità con la quale chi dovrebbe garantire tutto questo opera ormai da tempo, e la dimostrazione ultima è sotto gli occhi di tutti dove il sindaco Lambertini, nonché presidente del distretto socio sanitario valbormidese, rassicurava in sede istituzionale sull’ arrivo della seconda automedica e sulla riapertura del PPI, per poi essere smentito un attimo dopo dalla giunta Toti e dal direttore dell’Asl 2, come anche confermato, tramite risposta scritta dalla Regione Liguria all’interrogazione presentata in Consiglio regionale dal consigliere Pd Roberto Arboscello. La comunità valbormidese ha bisogno di serietà e competenza, indipendentemente dalle appartenenze partitiche, per dare alla nostra comunità ciò che gli spetta e che attendo ormai da troppo tempo.

Sulla vicenda è intervenuto anche il consigliere provinciale Pd e capogruppo del gruppo consiliare di minoranza Carcarese “Lorenzi Sindaco” Rodolfo Mirri: “Noi per primi, come gruppo consiliare abbiamo promosso e discusso in consiglio comunale a Carcare, con un consenso unanime da parte di tutta l’amministrazione per chiedere con forza l’implementazione del servizio di pronto intervento territoriale con l’attuazione di una seconda automedica”.

“Ci riesce difficile comprendere come mai il sindaco di Cairo Montenotte e presidente del distretto socio sanitario, oltre alle superficiali esternazioni in merito all’implementazione della seconda automedica non abbia ancora convocato una riunione del distretto socio sanitario nel quale relazionare a tutti i suoi componenti, il motivo delle sue affermazioni e proporre e programmare le azioni da intraprendere, in maniera seria e concreta, evitando così di navigare a vista e rischiare di sbagliare rotta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.