Riconoscimento

Savona, Villardita e Incorvaia ricevono un encomio dal sindaco: “Migliorano la qualità della vita e la convivenza sociale”

In futuro, quando i Dpcm lo permetteranno, i due ragazzi hanno intenzione di collaborare insieme

Savona. Stamattina Mattia Villardita e Fabio Incorvaia hanno ricevuto un encomio dal sindaco di Savona Ilaria Caprioglio come riconoscimento per la loro attività di volontariato. Infatti, i due ragazzi coinvolgono i bambini, che fin dalla tenera età sono costretti a fare i conti con la malattia e con gli ospedali, in attività ludiche.

Così Caprioglio riconosce il merito a questi due ragazzi “per il generoso impegno – si legge nella pergamena – in attività a sostegno delle persone più fragili e dunque per l’alto livello dell’apporto al miglioramento della qualità della vita e della convivenza sociale, nonchè per l’esemplare affezione, promozione ed interessamento verso la Città rendendone più alto il prestigio”.

“L’encomio di oggi – spiega Villardita – è dovuto all’attività di Spiderman nelle corsie ospedaliere e alla nostra attività in generale”. “Io sono orgoglioso di ricevere un riconoscimento anche dal sindaco di Savona, che è la mia città. E’ stato emozionante“. Oltre all’encomio di oggi, a fine dicembre è stato nominato Cavaliere della Repubblica dal Presidente Mattarella e il presidente di Regione Giovanni Toti ha consegnato come riconoscimento la bandiera ufficiale della Regione Liguria. “Il mio è un investimento in tempo ma è una cosa in cui credo tantissimo. Sto ricevendo molte premiazioni e onorificenze perché è una cosa fatta col cuore e tutte le cose fatte col cuore è giusto che vengano premiate“.

Villardita è conosciuto come lo Spiderman di Savona, oltre a fare visita ai piccoli ricoverati del reparto di pediatria dell’ospedale San Paolo che rimane la sua attività principale, ha dato vita a nuove iniziative come lo Spidypizza con cui ha raccolto una parte della somma necessaria per rinnovare il reparto. Invece, Incorvaia, campione mondiale di moto d’acqua, dal 2017 ha dato il via alla Jet Ski Therapy sfruttando così la sua passione per garantire momenti di divertimento ai ragazzi diversamente abili che porta con lui in acqua.

“Questa attività – racconta Mattia – è la cosa più importante della vita. Io ci guadagno solo l’amore di questi bambini e delle famiglie. Si creano legami che si durano e si consolidano nel tempo. Io credo sia importantissimo per un genitore che vede il figlio soffrire ricevere un po’ di ‘colore’ nella loro vita e io mi reputo proprio quest’ondata di colore che riesce a dare una gioia a queste famiglie in difficoltà”.

“Io ho iniziato con la Jet Ski Therapy – aggiunge Incorvaia – dopo il mio settimo e ultimo titolo mondiale, poi mi sono sentito svuotato e allora ho voluto portare avanti il progetto nato nel 2014 portando le persone diversamente abili in moto d’acqua con me. Così ricreo il mio mondo sportivo grazie al quale i ragazzi e le loro famiglie possono passare una giornata interamente dedicata allo sport“.

“Abbiamo intenzione di promuovere un’iniziativa insieme – anticipano i due ragazzi -. Appena le regole ci permetteranno di ritornare a operare abbiamo un bel progetto che è già stato proposto e accettato. Prevediamo un successo ancora più grande e maggior divertimento per i ragazzi”.

“La nostra volontà – concludono – è regalare il sorriso a tutte queste persone che sono abituate a fare terapie, cure ospedaliere e regalare anche ai loro genitori una giornata di svago rompendo quella quotidianità negli ospedali”.

leggi anche
  • Obiettivo raggiunto
    Ospedale San Paolo, raccolti 12 mila euro per completare l’acquario in pediatria
  • Acquario
    Spiderman diventa fattorino delle pizze per il San Paolo: ecco la stanza del progetto “Ospedali dipinti”
  • Commento
    Mattia Villardita da Spiderman a Cavaliere (della Repubblica): “È la mia missione di vita”
  • Altruismo e generosità
    Dopo Spiderman, un nuovo supereroe negli ospedali: in corsia arriva Superman