IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, lutto nelle confraternite: addio a 69 anni a Giancarlo Scorza

Figura nota in città, nel 2006 fu Priore generale della Processione del Venerdì Santo. I funerali domani alle 10 nella parrocchia di Lavagnola

Più informazioni su

Savona. Il mondo cattolico savonese, in particolare quello delle confraternite, dà l’addio a Giovanni Scorza, detto Giancarlo, scomparso ieri a 69 anni all’ospedale San Paolo. Da tempo sofferente di alcune patologie, lascia un fratello e una sorella, suor Giuditta, attuale Vicaria presso l’istituto religioso delle Figlie di Nostra Signora della Neve.

Nato a Savona il 19 novembre 1951, Giancarlo era un “lavagnolese doc” e, fin da giovanissimo, frequentò la locale parrocchia, anche nel gruppo scout, divenendo amico di vari sacerdoti che la guidarono pastoralmente da don Pino Cristoforoni a don Gino Peluffo, da don Antonio Ferri a don Nicola Lorini. E fin bambino fu confratello del sodalizio lavagnolese di San Dalmazio, seguendo l’esempio del padre, poi scomparso nel 1995. Dopo aver frequentato le Scuole Pie degli Scolopi a Monturbano, lavorò da Martin Bignone, fabbro storico di Lavagnola per poi passare al porto e all’Autorità Portuale, dove, prima del pensionamento, era impiegato nell’ufficio concessioni demaniali. Era inoltre stato nominato Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana ed era socio aggregato dell’Associazione nazionale marinai d’Italia.

Come accennato, Scorza è stato sempre impegnato nel mondo confraternale e anche per questo era una figura molto conosciuta e stimata, in diocesi e soprattutto a Savona, come hanno dimostrato le decine e decine di messaggi di affetto e cordoglio giunte nel corso della nottata sulla pagina Facebook de Il Letimbro dopo l’annuncio della scomparsa. Iscritto anche al sodalizio dei Santi Giovanni Battista, Evangelista e Petronilla, rivestì cariche nel Priorato Diocesano e in questo ruolo fu a lungo commissario della Confraternita dei Santi Pietro e Caterina (di cui poi divenne anche Priore) che ha sede nell’omonimo oratorio in via dei Mille. In questa veste, ebbe l’onere e l’onore di essere Priore generale della Processione del Venerdì Santo nell’edizione 2006, ma complessivamente partecipò per circa vent’anni all’organizzazione dell’evento: fu impegnato a lungo nel servizio d’ordine e in due occasioni fu capocassa del gruppo della “Flagellazione”, sempre con i confratelli dei Santi Pietro e Caterina.

“Al di là degli aspetti legati alla tradizione, la processione del Venerdì Santo resta anzitutto una manifestazione religiosa – amava ricordare Scorza – i portatori pregano offrendo la loro fatica così come i musicisti lo fanno cantando e suonando”. Oggi alle 17,30 sarà recitato il Rosario, mentre i funerali di saranno celebrati domani, mercoledì 10 febbraio, alle 10 sempre nella chiesa parrocchiale di san Dalmazio in Lavagnola.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.