IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il mare restituisce una vecchia scheda telefonica di 26 anni: “Un piccolo pezzo della nostra storia…” foto

E' stata ritrovata sulla spiaggia di Borghetto: le vecchie schede sono oggetto di culto e collezioni rare

Più informazioni su

Ponente. Le nuove generazioni probabilmente non se la ricordano neppure, altri invece sì… A volte, davvero, le sorprese nella nostra riviera non mancano e l’infinità del mare concede qualche regalo “amarcord” inaspettato. Ecco che sulla spiaggia di Borghetto di Santo Spirito è stato rinvenuto un piccolo “pezzo di storia”, una vecchia scheda telefonica della SIP dal valore di 5 mila lire, trascinata dalle onde e dalla corrente fino a riva.

La scheda telefonica era utilizzata negli anni ’90: la loro banda magnetica era adatta a telefonare dalla cabine dislocate nelle nostre località e oggi quasi tutte dismesse. Ma non solo: le schede telefoniche sono oggetto di culto, in quanto gli italiani sono dei grandi collezionisti. Gli esperti stimano che alcuni pezzi rari, specie se appartenenti a serie limitate, possono valere anche fino a 10.000 euro.

scheda telefonica

Le prime schede illustrate furono prodotte dalla Technicard System e raffiguravano le bellezze culturali di ogni regione d’Italia. Le più antiche sono quelle della SIDA, in circolazione tra il 1977 e il 1981. Inoltre, non bisogna dimenticare che oltre alle schede Telecom utilizzate a suo tempo dall’utenza, erano prodotte schede telefoniche di natura commerciale, oppure tematiche o ancora legate a particolari eventi.

Alcune schede telefoniche sono ancora nei cuori dei ragazzi degli anni ’90, pochi sanno che sono oggetto di ricerche e speciali collezioni, quasi come le monete. Su diverse piattaforme online o e-commerce ci sono anche svariati annunci di vendita di “antiche” schede telefoniche, proprio per il loro appeal e valore.

Quella ritrovata sulla spiaggia di Borghetto, consumata e lacerata dal sale marino, non può certo essere un pezzo da collezione, ma “il mare dopo 26 anni ci restituisce davvero un pezzo della nostra storia…”, considerando che il modello, secondo una prima analisi e con i condizionali d’obbligo, potrebbe risalire al 1995.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.