IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I ristoratori liguri lasciano Roma mentre al Mise una delegazione incontra Salvini e Giorgetti: “Soddisfatti e speranzosi”

Ci si prepara per il lungo viaggio di ritorno, una giornata lunga e dura in cui i ristoratori si sono stretti insieme per difendere il proprio lavoro

Più informazioni su

Liguria. Soddisfazione da parte dei ristoratori al termine di questa manifestazione romana culminata con l’incontro al Ministero dello Sviluppo Economico tra Salvini, Giorgetti e una loro delegazione che ha espresso le proprie difficoltà e, soprattutto, si è detta disponibile per trovare una soluzione per lavorare.

“È stata una giornata meravigliosa per l’affluenza in piazza Montecitorio e per i contenuti – dice Rocco Costanzo, ristoratore ligure che ha partecipato alla manifestazione organizzata da Tutela Nazionale Imprese – abbiamo chiesto che il nostro problema venga risolto aprendo i ristoranti a pranzo e a cena dando massima disponibilità per collaborare nel rispetto delle regole, fungendo anche da strumento di controllo collaborando al fianco delle istituzioni”.

Costanzo, di TNI Ristoratori Liguri, é appena rientrato sul pullman che tra poco partirà da Roma per tornare a casa e vuole aggiungere ancora una cosa “chi non rispetta le regole va sanzionato, chi le rispetta deve lavorare”. C’è ottimismo e una speranza tra i ristoratori liguri.

“Sono contento per la grande partecipazione – racconta a IVG Riccardo Rebagliati ristoratore di Celle Ligure – l’affluenza in piazza è stata molto significativa: da tutta Italia a Montecitorio per parlare della nostra situazione”.

Ci si prepara per il lungo viaggio di ritorno, una giornata lunga e dura in cui i ristoratori si sono stretti insieme per difendere il proprio lavoro. “Oggi abbiamo fissato un punto fondamentale per il futuro – sottolinea Stefano Casagrande di Rapallo – che si tradurrà nella creazione di un nostro sindacato”.

Sul pullman che sta per partire sono finite le scorte di prelibatezze da condividere con i colleghi di tutto il Paese, ma incomincia a intravedersi, forse, uno spiraglio di speranza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.