IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finalmente disponibile “Non dipende da Dio”, il nuovo singolo del rocker Shel Shapiro

Nel brano l'artista inglese (da anni residente a Loano) invita le persone ad assumersi le proprie responsabilità

Più informazioni su

Loano. Da oggi, venerdì 12 febbraio, è in rotazione radiofonica e disponibile in digitale e in formato vinile 45 giri “Non dipende da Dio”, il nuovo singolo del pioniere della musica rock in Italia Shel Shapiro. Il singolo, che arriva dopo quasi vent’anni dall’ultimo disco di inediti, anticipa un album di prossima uscita.

Prodotto da Filadelfo Castro e composto dallo stesso Shel, che ha scritto anche il testo insieme a Riccardo Borghetti, “Non dipende da Dio” è un brano apparentemente personale e autobiografico ma, in realtà, cela una riflessione sul percorso della vita e della crescita di tutti noi in generale, sottolineando che ognuno di noi è artefice del proprio destino.

“Scelta mia son così sono io – E non dipende da Dio”, l’artista inglese (da anni residente a Loano) invita le persone ad assumersi le proprie responsabilità, senza imputare a qualcun altro la colpa di ciò che accade a se stessi o al mondo.

L’ esclusivo formato in vinile 45 giri di “Non dipende da Dio” è disponibile in versione autografata dall’artista.

Autore, arrangiatore e produttore ma anche attore di cinema, tv e teatro Shel Shapiro è un artista a 360 gradi, testimone e protagonista delle trasformazioni culturali dagli anni ’60 fino ad oggi.

Shel Shapiro nasce in Gran Bretagna da una famiglia ebrea di origini russe. All’inizio della sua attività di musicista in Italia ha rappresentato con grandissimo successo la più efficace e credibile presenza “beat” nel panorama musicale nazionale. La sua musica è diventata colonna sonora di quella generazione e i suoi concerti, ancora oggi, riescono a catalizzare l’attenzione di un pubblico trasversale, dai “giovani” della beat generation anni sessanta alle nuove generazioni. Mia Martini, Patty Pravo, Gianni Morandi, Mina, Raffaella Carrá, Riccardo Cocciante, Ornella Vanoni, Paco De Lucia, Luca Barbarossa, Carlos Beneven, I Decibel e Enrico Ruggeri, Bill Conti, Quincy Jones, Paul Buckmaster, Jose Luis Rodriguez: sono soli alcuni dei nomi con cui Shel Shapiro ha avuto collaborazioni artistiche. Come attore ha recitato in progetti cinematografici e televisivi, tra cui spiccano: “Brancaleone alle crociate”, regia di Mario Monicelli (1970), “Rita, la figlia americana” (insieme a Totò) regia di Piero Vivarelli (1965), “Finalmente la felicità”, regia di Leonardo Pieraccioni (2011), “Tutte le strade portano a Roma (All Roads Lead to Rome)”, regia di Ella Lemhagen (2015), “La verità sta in cielo”, regia di Roberto Faenza (2016), “Ti presento Sofia”, regia di Guido Chiesa (2018), “Eldorado”, regia di E. Galtafoni – film TV (2001), “Capri 3” (2010) e “Il restauratore 2”, serie TV (2014).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.