IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cyberbullismo, Asl: “Uso eccessivo di internet preoccupa i genitori”

"La dipendenza da web è un fenomeno nuovo e ancora non si manifesta su ampia scala"

Più informazioni su

Provincia. “I ragazzi che si presentano da noi spinti da problematiche legate alla dipendenza da web alla navigazione in internet sono una minima parte e sono sostanzialmente rimasti costanti nel tempo. Invece, gli adolescenti che manifestano criticità legate a fenomeni di bullismo o cyber bullismo hanno registrato un incremento”.

E’ questo, in estrema sintesi, il bilancio del Servizio Dipendenze dell’Asl 2 di Savona a fine 2020: “Negli ultimi anni sicuramente il problema è in aumento ma non si è ancora manifestato su ampia scala, i casi legati a questo problema sono una percentuale esigua rispetto al totale”. Questo è un dato parziale, probabilmente è presente un dato sommerso che è dovuto a chi non chiede aiuto al servizio.

Durante lo scorso anno, a causa del confinamento imposto dai Dpcm conseguenti alla pandemia da Covid, “le richieste di aiuto al servizio da parte dei ragazzi sono aumentate esponenzialmente”.

“L’incremento – spiegano – è stato registrato soprattutto attraverso la chat di ascolto, il progetto di peer education, attiva già dal 2016, in cui i ragazzi giovani, fino ai 25 anni, formati appositamente per svolgere questa attività, offrono sostegno ai ragazzi che riscontrano difficoltà, in ogni ambito. L’età media degli aderenti al servizio si è abbassata negli ultimi anni, i più giovani hanno 15 – 16 anni. Durante il lockdown alcuni ragazzi hanno passato molto tempo online sui social o con i videogames, perché le alternative erano poche, ma alcuni continuano a farlo e potrebbe essere un fenomeno passeggero legato al periodo o radicarsi e durare nel tempo”.

Secondo il servizio dipendenze dell’Asl2 “la preoccupazione legata all’uso del pc e di internet è maggiore nei genitori, i quali notano nei figli un cambio di abitudini trovandosi molto più tempo in casa, anche quando c’era la possibilità di uscire e, trovandosi inermi di fronte a questa situazione, chiedono aiuto su come gestirla”.

Tanti genitori sentono il bisogno di avere ‘un libretto di istruzioni’ per riuscire a capire i propri figli e aiutarli nel loro percorso di crescita. Così, Regione Liguria organizza un incontro per i genitori per accompagnarli a riflettere sui diversi approcci possibili alla regolazione dell’uso di internet e device, tra controllo e relazione, sulle nuove sfide alla genitorialità e l’Ufficio Scolastico Regionale un webinar per i dirigenti e i docenti che si occupano del tema della sicurezza in rete e dell’educazione civica.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.