IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coronavirus, un anno fa il primo caso a Codogno

La notizia del "paziente zero" scatenò la psicosi in tutta Italia, anche in Liguria

Più informazioni su

Liguria. 20 febbraio 2020, un anno fa. Si potrebbe dire che tutto iniziò esattamente quel giorno, quando dall’ospedale di Codogno arrivò la notizia che un uomo di 38 anni, ricoverato in terapia intensiva, era risultato positivo al coronavirus. Si potrebbe, ma non sarebbe corretto. Non fu davvero l’inizio della pandemia perché le avvisaglie dalla Cina si diffondevano da più di un mese, mentre i successivi studi dimostrarono col virus circolava in Italia (e anche in Liguria) già dall’autunno del 2019.

In ogni caso fu una pietra miliare, almeno dal punto di vista simbolico. L’acquisizione della consapevolezza che il problema riguardava tutti da vicino. Oggi l’Italia ricorda quel momento e ricorda, in occasione occasione della prima giornata nazionale dei professionisti sanitari, sociosanitari, socioassistenziali e del volontariato, lo sforzo di chi ha dato tutto – a volte anche la vita – per offrire assistenza ai malati. Ma cosa succedeva nella nostra regione il 20 febbraio 2020?

In quel momento, anche se era già stata istituita da un mese una task force sanitaria pronta a reagire all’eventuale emergenza, non c’erano casi confermati in Liguria. C’erano, invece, numerosi casi sospetti che generavano inevitabilmente allarmi e psicosi: già il 3 febbraio una donna di rientro dalla Cina con sintomi sospetti veniva ricoverata in isolamento all’ospedale San Martino risultando poi negativa al test. Il 19 febbraio, un giorno prima del caso a Codogno, un 20enne cinese appena rientrato in Italia con sintomi compatibili fece scattare il protocollo d’emergenza al conservatorio Paganini, salvo poi risultare negativo. Un velista di Sanremo, tornato da un viaggio in Cambogia, si era messo in quarantena volontaria: proprio il 20 febbraio Toti lo chiamò per ringraziarlo del gesto civico.

Il 38enne di Codogno, però, era passato dalla Liguria prima di risultare infetto. Il 2 febbraio, insieme ad altri podisti, aveva corso la mezza maratona di Portofino. Appena diffusa la notizia, nel Levante (e non solo) scattò immediatamente la psicosi. Nelle ore successive Alisa allontanò il timore di un contagio.

Per il primo caso accertato in Liguria si sarebbe dovuto aspettare il 25 febbraio: una turista 72enne di Castiglione d’Adda, in vacanza ad Alassio insieme alla sua comitiva, fu ricoverata al San Martino e risultò positiva al tampone. Dopo sole due settimane il Paese era già in lockdown. Il resto è una storia che – purtroppo – ricordiamo tutti molto bene.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.