IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Celle, addio alla filiale del Banco Popolare di Milano: entro maggio via la storica banca foto

Attiva dal 1969, nel corso di questi anni hanno chiuso altre filiali in città nell'ambito della razionalizzazione degli sportelli bancari

Più informazioni su

Celle Ligure. Chiuderà i suoi battenti entro maggio la filiale del Banco BPM, storica agenzia di via Poggi lungo l’Aurelia: se la ricordano da sempre i cellesi.

Aprí in quella sede, in una posizione centrale e strategica, nel 1969. Una lunga storia che sta volgendo al termine. Prima, nel corso di questi anni, hanno chiuso altre filiali a Celle nell’ambito della razionalizzazione degli sportelli bancari.

Poco più avanti rimane la seconda banca storica, per “anzianità”: la Cassa di Risparmio di Savona. Ultimi mesi quindi per la filiale del BPM, da sempre punto di riferimento di generazioni di correntisti, prima Banca Popolare di Novara, che si prepara a congedarsi da loro.

“L’evoluzione del mercato e delle abitudini dei clienti ha portato gli istituti di credito, tra questi Banco BPM, a ripensare la densità della rete delle filiali – ci spiegano dalla sede centrale di Milano  – Rimane fermo, naturalmente, il proposito di ridurre al minimo il disagio per i clienti di Celle Ligure, che avranno le indicazioni e i contatti della filiale di riferimento più vicina a loro disposizione per ogni necessità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.