IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albisola pronta per il sistema di videosorveglianza: previsti 15 apparecchi per controllare tutto il territorio foto

Oltre i punti nevralgici del centro, le telecamere controlleranno anche le frazioni

Albisola Superiore. Dopo un anno e mezzo di consultazione e studio prende vita il progetto che dota il territorio di Albisola di un sistema completo di videosorveglianza utile per incrementare la sicurezza in città e nelle frazioni.

Travolto da camion Pirata

Saranno in tutto 15 gli strumenti per controllare ad anello il territorio, tra 8 telecamere di contesto e 7 punti di lettura targhe per fronteggiare il problema di piccoli e grandi furti in abitazioni e fenomeni di micro-criminalità nel centro e non. Si parte da Ellera, si tocca Luceto, per raggiungere poi anche il centro come l’ingresso del casello autostradale (già presente), via Sisto IV (dove si sono già verificati danneggiamenti ai veicoli parcheggiati), via dei Siri, località Capotorre, nelle vicinanze delle scuole La Massa, all’incrocio tra Corso Mazzini e Corso Ferrari e sulla passeggiata. Questi i punti nevralgici individuati dal Comune con la collaborazione della stazione dei carabinieri e della polizia municipale di Albisola.

Questo progetto nasce dalla grande richiesta della cittadinanza: “Abbiamo cercato di dotare la città in entrata e in uscita di telecamere, così riusciremo ad avere una sicurezza maggiore sul territorio – spiega il sindaco Maurizio Garbarini -. Abbiamo lavorato duramente dall’inizio della nostra campagna elettorale per questo progetto. Abbiamo cercato di partecipare ai bandi ma non siamo riusciti ad ottenerli, così spenderemo in partenza circa 150mila euro. La tecnologia oggi ci aiuta notevolmente ma ha ancora dei costi alti. Il territorio di Albisola non è facile da monitorare per la trasmissione dei dati perchè al di là della piana di Albisola, ci sono colline che rendono difficile captare il segnale e registrarlo nei server: è proprio in questa direzione che bisogna investire”.

Per contrastare lo stesso problema di furti e vandalismo nell’albisolese, erano stati organizzati in precedenza degli incontri di vicinato che permettessero all’amministrazione e alla cittadinanza di incontrarsi di persona in modo da esporre le varie criticità riscontrate. “Sfortunatamente – afferma il vicesindaco Roberto Gambetta – a causa dello scoppio della pandemia, siamo riusciti a organizzare tre incontri, e risulta difficile tenerli oggi online per via della grande partecipazione, ma speriamo presto di poterci rincontrare tutti insieme”.

L’intero sistema di videosorveglianza, come afferma il sindaco, dovrebbe essere completato entro l’estate, ma potrà ancora essere implementato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.