IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tpl, ecco l’autista “integerrimo” che non sorpassa nemmeno i ciclisti ma fa arrabbiare i passeggeri

"Con lui arriviamo sempre in ritardo a lavoro. Ok rispettare il codice della strada ma ci vuole anche buon senso"

Valbormida/Savona. Camioncino della spazzatura, un’auto o un furgone in doppia fila o un gruppo di ciclisti. Quando volte quando siamo alla guida ci troviamo di fronte a simili “ostacoli”. La maggior parte, quando la corsia opposta è libera e ha lo spazio per il sorpasso, non esita ad invadere leggermente o meno la linea di mezzeria per procedere  il proprio viaggio, anche quando il codice della strada lo vieta. Ma questo non è il caso di un integerrimo autista di Tpl della linea Cairo-Savona, la cui virtuosa condotta – seppur nel pieno rispetto delle regole – ha scatenato la rabbia di molti passeggeri.

Chi lavora con lui, lo descrive come un “dipendente modello”: è sempre disponibile e non rifiuta mai un cambio di turno. Ma la sua assoluta integrità porta anche a dei paradossi, come restare dietro ad una fila di ciclisti per tutto il Cadibona, fermarsi in attesa che il mezzo in doppia fila venga spostato, anche quando c’è lo spazio per il sorpasso chiamando le forze dell’ordine nel caso in cui non arrivi il proprietario. Oppure attendere che un furgone finisca di scaricare.

È bene precisarlo, se nel varcare la linea continua si verificasse un incidente e il pullman urtasse un mezzo in doppia fila, la responsabilità sarebbe dell’autista che, secondo le regole aziendali, riceverebbe un richiamo disciplinare e sarebbe costretto a pagare parte dell’importo della multa. Ma per il suo “stile di guida” le critiche non mancano.

Diverse, infatti, le segnalazioni di utenti assidui dei bus e non solo che lamentano un continuo ritardo a lavoro per eventi per cui dicono “servirebbe solo buon senso”.

Tutte le volte che c’è lui alla guida arrivo in ritardo a lavoro. E’ l’autista di una linea importante quella da Cairo a Savona, utilizzata da molti anche per andare a lavoro. Io parto da Carcare e già alla fermata non è mai in orario” racconta Daniela che prende il bus tutte le mattine. “Si ferma per attendere che il furgone della spazzatura finisca di svuotare i cassonetti, non sorpassa auto in seconda fila, quando avrebbe lo spazio e il tempo per farlo, a volte stiamo fermi anche 20 minuti”.

“Ho mandato diverse segnalazioni a Tpl – spiega – mi è stato risposto ‘Lui è fatto così’, ho provato a parlare anche con lui e mi ha detto: ‘Rispetto semplicemente il codice delle strada’. È vero, ma ci vorrebbe, un po’ di elasticità. Spero che venga risolto questo problema, perché crea dei disagi a noi che ogni giorno ci spostiamo usando i mezzi pubblici, ma arriviamo sempre in ritardo a lavoro”.

Stessa risposta e stessa esperienza anche per Fulvia che su Facebook commenta: “Un autista molto prudente, rimane anche dietro ad un bicicletta per il tratto Savona-Cadibona. In discesa se incontra la raccolta rifiuti si accorda e conosco ogni cassonetto. Quando è lui alla guida chiamo sempre perché arrivo in ritardo. Ho segnalato il fatto a Tpl, ma non ho ottenuto nulla. Venti minuti di ritardo possono essere un problema per chi, come me, utilizza i mezzi pubblici per recarsi a lavoro”.

Rabbia condivisa anche da Enrica che racconta: “E’ da 21 anni che prendo i mezzi pubblici tutti i giorni e non ho mai visto una cosa del genere”. L’altra mattina, la valbormidese era seduta sul pullman quando l’autista si ferma sul Cadibona dove incontra un camion fermo per lavori: “Ha iniziato a  strombazzare, ci sorpassavano pure i tir, ma finché il mezzo non si è spostato di pochi metri lui è stato fermo”. Ma non finisce qui. “Arrivati ad Altare, davanti a noi un furgone del latte in doppia fila che stava scaricando. Di nuovo fermi, fino a quando anche grazie all’aiuto di un vigile, chiamato dall’autista, il furgone si è spostato”.

autista tpl che non sorpassa linea di mezzeria

Due inconvenienti che hanno causato la perdita della coincidenza da Carcare per Millesimo e raddoppiato la durata del viaggio: “Di solito ci metto poco più di un’ora, invece ne ho impiegate ben due e un quarto”. E poi aggiunge: “Spero l’autista venga trasferito, io devo pagare il biglietto, ma questo non è un servizio”.

Daniela, Fulvia, Enrica non sono le sole a lamentarsi, leggendo i commenti sui social sono numerosissime le persone che hanno assistito a questi episodi, che causano rallentamenti al traffico e creano disagi ai passeggeri. Episodi che non risultano nuovi ai savonesi. Noto, infatti, il caso di qualche anno fa quando il titolare della Farmacia Saettone aveva segnalato ciò che succedeva nel tratto di via Paleocapa tra piazza del Popolo e piazza Mameli, dove spesso vengono lasciate le auto in doppia fila nella corsia riservata ai bus. In quel caso, più volte l’autista si era fermato e aveva iniziato ad usare il clacson per sollecitare lo spostamento delle macchine. L’autista era lo stesso della linea Cairo-Savona, dove è stato trasferito in seguito a queste lamentele.

Ma Federico Saettone precisa: “Succede ancora oggi, dipende da cui guida il bus. Il problema è la mancanza di parcheggi nella zona, come accade per molte farmacie della città. Per risolverlo basterebbe creare delle aree di sosta acquisto farmaci di dieci minuti con l’obbligo del disco orario. In questo modo in molti smetterebbero di sostare in doppia fila e saremmo noi stessi a vegliare che non se ne approfittino i furbetti per andare al bar” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.