IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pensiamoci
di Sandro Chiaramonti

Ecco come cambiano moda e trucco ai tempi del Covid

Le “armi” da sfoggiare… Importante anche la scelta di hotel e ristorante

Più informazioni su

Savona. Sono tempi difficili, d’accordo, ma proprio per questo uno spiraglio di luce ogni tanto ci vuole, fa bene, porta qualche ora di sollievo e persino qualche speranza. E che cosa più del momento della seduzione può riempire questo quadretto, sempre che i problemi in casa non siano tali da dover pensare solo ad altro?

Seduzione...Come vestirsi, visto che siamo in pieno inverno anche se le temperature sono a tratti persino piacevoli, come truccarsi, con il Covid che ci costringe a indossare la mascherina (o magari può essere un’occasione per qualcosa di diverso?), dove andare.

Ci siamo necessariamente fatti aiutare da due esperte, Maria Gramaglia e Marzia Pistacchio, che i nostri lettori ben conoscono – e seguono – per le loro rubriche (Stile Savonese e Rosso Pistacchio) su IVG.

GLI ABITI
di Maria Gramaglia

Sedurre in tempo di Covid è probabilmente più difficile che in passato, vuoi perché la sera non si può uscire ormai da molto tempo e vengono meno le occasioni di incontro in
contesti di svago, vuoi perché spesso ormai tra le persone c’è uno schermo di troppo.

La difficoltà, in questo caso, può rendere tutto più intrigante e questo di per sé può essere affascinante.

Se la mascherina copre la bocca, saranno l’espressività degli occhi e la capacità di esprimere la nostra identità (e le nostre intenzioni) attraverso il corpo a giocarsela.

Come sempre, gli abiti hanno un ruolo fondamentale, perché sono mezzi potenti, che ci garantiscono la libertà di esprimere la nostra identità, le idee e i sentimenti.

Essere sensuali non significa essere volgari, e questa è l’unica regola aurea, quindi l’equilibrio è il miglior maestro e il punto di forza la nostra sicurezza.

Resta il fatto che è gennaio, e fa freddo e si può uscire poco o niente, quindi come sentirsi seducenti e non donnine Michelin imbavagliate?

A tutte le età, vestendosi a strati, scegliendo linee che accarezzano il corpo senza strizzarlo, perché per essere belle dobbiamo anche stare comode, e non il contrario, giocando con scollature o “sbottonamenti” strategici, lievi trasparenze in lungo o accorciando gli orli a tessuti più corposi, sempre a patto di non strafare.

Con tacchi o senza, purché ci si senta a proprio agio, in coerenza con il proprio carattere e il proprio modo di essere.

Elemento irrinunciabile? Il colore, che ha in se’ storia e una comunicatività estrema. Nel gioco della seduzione, il nero vince sempre, ma sdrammatizzarlo con accessori vivaci ha un effetto “wow” assicurato.

Trucco rossetto

IL TRUCCO
di Marzia Pistacchio

Senza rossetto
All’inizio di questa faccenda, sembrava essere la sola via possibile. La mascherina impiastriccia, fa sudare, rende sbavato e imperfetto anche il trucco più maniacale e curato. Ammetto che per i primi tempi la abbiamo quasi presa come una liberazione. Io curavo i miei preziosi baffi alla Frida senza troppi sensi di colpa. La mascherina copre, nasconde, protegge.

E i make up artists, quelli bravi, ci hanno raccomandato di puntare sullo sguardo: occhi languidi e fumosi, ciglia farfalline, sopracciglia volitive e caparbie.

E manca qualcosa da sempre. Perché il rossetto è rivendicazione, orgoglio, libertà.

E oggi per i giovani non ha nemmeno più genere. Il rossetto non è più donna, il rossetto è un messaggio.

Un messaggio sbavato, nascosto, a volte sbavato e imperfetto, un messaggio coi baffi di Frida o lo sguardo farfallino.

Ma un messaggio che non rinunciamo a lanciare.

Che cosa si può aggiungere dopo che hanno parlato le due maestre?
Proviamo. Intanto, se la situazione fosse quella, scegliete un buon ristorante o un buon albergo: nella nostra provincia ci sono molti hotel suggestivi, parlando di Savona Città pensiamo di non sbagliare proponendovi l’angolo caraibico del Mare Hotel con la sua vista e le sue specialità, partendo dal sushi (chi vuole può dare un’occhiata al sito). Poiché spesso, soprattutto di questi tempi, i quattrini non sono molti, meglio rinunciare a più serate e puntare sull’Occasione Speciale, come insegna da sempre lo chef stellato Claudio Pasquarelli di Bergeggi.

Tirate poi fuori l’auto migliore di famiglia, se ne avete più di una o se per caso l’avete tenuta in garage perché non c’era modo di sfoggiarla, ricondizionandola nel modo migliore e facendo attenzione che l’assicurazione non sia scaduta.

È tutto pronto per invitarla (o, perché no? invitarlo) e staccate la spina per qualche ora. Buona serata dalla combriccola di IVG.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.