IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Temperature in picchiata: record a Sassello con -10.6 gradi. E si attende il “Grande Freddo”

Un inverno particolarmente rigido: per la metà del mese non si esclude l'arrivo di una nuova ondata di gelo

Più informazioni su

Liguria. Temperature polari e forti raffiche di vento che hanno interessato soprattutto le località costiere della Liguria e del savonese. Il record del freddo spetta a Sassello con -10.6, seguita da Pratomollo (Borzonasca, Genova) con -9.6, da Santo Stefano d’Aveto (Genova) e Calizzano con -9.4 e da Montenotte Inferiore con -8.6.

Nella giornata di oggi persistono venti da Nord, Nord-Est con rinforzi e raffiche fino a 50-60km/h sui crinali e localmente allo sbocco delle valli esposte; disagio per freddo dopo in tramonto e nelle ore notturne. Per domani disagio da freddo nelle ore mattutine, in seguito è previsto rialzo delle temperature con residue condizioni di disagio la sera e nella notte solo localmente sui versanti padani.

Dunque prosegue l’inverno particolarmente rigido, anche se, forse, il peggio deve ancora arrivare: stando agli attuali modelli previsionali, che dovranno comunque trovare conferma nei prossimi giorni, per questo gennaio 2021 è atteso il cosiddetto “Big Chill” – Grande Freddo.

Si attende, infatti, un nuovo vortice polare spingendo uno dei suoi rami a raggiungere l’Europa centro orientale, con temperature fino -16°C a 1.500 metri. L’anticiclone russo-asiaticoinizierà a convogliare aria gelida di provenienza siberiana

Non si esclude che l’ondata di gelo potrebbe arrivare anche sull’Italia nel corso del fine settimana 16-17 gennaio con conseguenze nevose: le zone più interessate sarebbero il medio Adriatico e il meridione, ma anche altri parti della Penisola.

Secondo gli esperti il freddo polare verso l’Italia e il Mediterraneo dipenderà dalla posizione dell’anticiclone delle Azzorre, senza contare l’ingerenza della depressione islandese lungo la porzione occidentale del Continente che potrebbe favorire la discesa del gelo.

Solo nei prossimi giorni si avranno maggiori elementi scientifici per valutare l’arrivo o meno del Grande Freddo e se, e quando, colpirà anche la nostra Penisola.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.