IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pochi i tratti autostradali in cui non si paga pedaggio, occorre ampliarli e adottare criteri più semplici

Il pressing della Regione in vista di una serie interminabile di lavori

Più informazioni su

Savona. Autostrade per l’Italia, dopo un incontro in Regione, ha deciso di estendere i tratti in cui non si paga pedaggio a (parziale) indennizzo dei gravi disagi provocati dai lavori. Ci sono nuove estensioni, come verso Rapallo e Albisola, ma solo in base a criteri decisamente complicati: chi entra qui ed esce là, chi passa da questa parte piuttosto che dall’altra.

I lavori provocano ogni giorno code chilometriche: è successo anche oggi, succederà anche domani.

Autostrade per l’Italia, di concerto con il ministero delle Infrastrutture retto da Paola De Micheli – la cosa non ci conforta – ha già annunciato altri mesi di lavori fino a ridosso dell’estate, e quindi vuol dire che finiremo dritti nel pieno della stagione.

È evidente che si devono fare molti lavori perché non si sono fatti prima, a cominciare da gallerie e barriere fonoassorbenti (ne sanno qualcosa gli abitanti delle zone di via Mignone e della Rusca).

Persino inutile ricordare tutti gli sviluppi giudiziarie legati alle inadempienze della galassia Benetton, mentre è doveroso, per il rispetto delle 43 vittime, sottolineare che è ancora aperta la complessa vicenda legata al crollo del ponte Morandi e alla minaccia, ancora non attuata (si ignora persino se lo sarà mai), di togliere la concessione ad Autostrade come incautamente promesso da molti uomini politici.

Solo la magistratura sta aprendo importanti squarci di verità e per questo va seguita e ringraziata, anche se per una democrazia essere costretta ad affidarsi ai giudici non è mai un fatto positivo e talvolta rappresenta anzi una sconfitta.

Tornando più semplicemente ai pedaggi, ci sembra più equo adottare un più largo e semplice criterio per concedere accesso gratuito in autostrade, perché sono troppi gli utenti vittime dei disagi ma che devono pagare il loro caro pedaggio.

La Regione sta pressando Autostrade, auguriamoci che riesca a ottenere risultati ancora più concreti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.