IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Percorsi verdi a Villanova, dalla scala a cielo aperto sul ponte Arroscia alla palestra outdoor foto

Gli interventi dell'amministrazione comunale volti a valorizzare i parchi della città

Villanova d’Albenga. Nel parco giochi “Il Gerbido” di Villanova d’Albenga è terminato il secondo lotto dei lavori con l’obiettivo di creare uno spazio predisposto per l’attività fisica all’aperto. Infatti, sono stati realizzati ulteriori interventi che consentono ai ragazzi di fare attività di palestra in un’area distinta da quella dei bambini.

“Per l’intervento – spiegano dal Comune – sono stati utilizzati i fondi a disposizione del ribasso d’asta dei lavori per il rinnovo del parco. Per chi ama le passeggiate a cielo aperto, invece, nei giorni scorsi è stata realizzata e aperta una scala adiacente il ponte sull’Arroscia, utile anche come passaggio di servizio, per migliorare l’accessibilità al lungofiume, meta sempre più frequente di passeggiate nella natura.

“Da qualche giorno – continuano -, è stato completato anche l’intervento di spostamento e valorizzazione in un’area dedicata e con adeguati cartelli che ne spiegano l’origine delle antiche macine di fine ottocento, prima collocate nel giardino delle scuole”.

“Così, ora i bambini hanno più spazio per giocare e questo importante reperto è riallocato nella zona monumentale di S. Stefano”, ha spiegato il sindaco di Villanova d’Albenga, Pietro Balestra.

“La macine – ricorda il sindaco – erano state ritrovate nell’area aeroportuale, attraversata dal Canale dei Gombi e Molini, dove, si evince da una carta del 1829, erano presenti ben 3 mulini. Lo stesso canale passa adiacente all’attuale asilo nido costruito proprio all’interno di un vecchio Gombo, che era parte della Società dei Gombi e Molini costituita in Villanova nel 1486”.

“Tali manufatti – conclude -, databili XIII e XIV secolo, rinvenuti durante gli scavi per realizzare lo stabilimento Piaggio sono stati catalogati dalla Soprintendenza Beni Archeologici della Liguria”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.