IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo carcere, Ciangherotti (FI): “Anche il garante dei regionale dei detenuti boccia Cengio. Albenga è la sede idonea”

"La Valbormida è una zona decentrata rispetto al resto della provincia e in particolare per il ponente"

Albenga. “La sede più idonea per il nuovo carcere è Albenga”. A rilanciare la proposta è il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale ad Albenga Eraldo Ciangherotti.

Il forzista si esprime a seguito dell’intervento del referente regionale dei detenuti in Piemonte, il fossanese Bruno Mellano che ha bocciato l’ipotesi di realizzare una nuova casa circondariale a Cengio. “Sbagliano i sindaci degli enti locali di Piemonte e Liguria di collocare un nuovo carcere nell’area dell’ex Acna a Cengio, in Liguria – ha sottolineato Mellano – Giusto pensare al riutilizzo dell’area industriale dismessa. Si tratta però un luogo isolato che non garantisce un reinserimento sociale e pena dignitosa a contatto con le famiglie e i servizi. Al massimo si può valutare l’utilizzo dell’imponente complesso della Scuola di polizia penitenziaria di Cairo-Montenotte dove si sta già sperimentando il lavoro all’esterno per alcuni detenuti di Fossano”.

Ed ecco che Eraldo Ciangherotti rilancia la sua proposta: “La Valbormida è una zona decentrata rispetto al resto della provincia e in particolare per il ponente. Meglio aprire una riflessione sull’opportunità di realizzare un penitenziario ad Albenga. Le aree idonee potrebbero essere quelle all’uscita del casello autostradale di Albenga nei pressi dell’Ortofrutticola o ristrutturando l’ex polveriera sulla strada per Campochiesa. Sia in un caso che nell’altro sarebbero zone facilmente raggiungibili dai mezzi della polizia penitenziaria e delle forze dell’ordine per il trasferimento da e per il carcere. Non sono luoghi isolati e offrirebbero vantaggi certi per il personale della polizia penitenziaria e per le famiglie dei detenuti. Anche loro, come le forze dell’ordine, avrebbero possibilità migliori per raggiungere il carcere vicino all’autostrada e tra l’altro non lontano da un ospedale”.

“La nostra provincia – ripete il consigliere comunale di Forza Italia di Albenga – ha bisogno di un nuovo penitenziario in tempi rapidi e penso che nella nostra città si possa realizzare una struttura accogliente per il personale carcerario e per le loro famiglie (che avranno la possibilità di vivere in una località dotata di tutti servizi), ma appunto anche per gli stessi detenuti e i loro parenti in visita e per tutte le persone addette ai lavori. La presenza sul territorio di un’importante struttura offrirebbe un’opportunità di lavoro a commercianti ed artigiani. Occasioni uniche come lo sono state per decenni le caserme la cui chiusura ha, invece, impoverito il territorio, come ben ricordano i più anziani”.

“Un istituto ad Albenga, inoltre, oltre a minori costi di gestione per le casse dello Stato, garantirebbe una maggiore sicurezza per la stessa cittadina con più forze dell’ordine sul territorio. Per questo motivo invito alla riflessione non solo l’onorevole Franco Vazio, ma tutti i parlamentari della Liguria e in particolare del Ponente Ligure affinché valutino l’opportunità di realizzare un penitenziario nella nostra città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.