IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nessuno sfratto allo Scaletto senza Scalini. Vertice in Comune, Santi: “Notizia infondata e pretestuosa”

Autorità Portuale: "Abbiamo proposto un possibile spostamento per ampliare spazi, alla luce delle ultime problematiche riscontrate nel distanziamento da Covid"

Savona. “Lo Scaletto senza Scalini rimane nella spiaggia delle Fornaci“. A dichiararlo sono gli assessori del Comune di Savona Pietro Santi e Maria Zunato che si sono occupati della vicenda dopo la polemica che è sorta su un possibile spostamento del servizio balneare attrezzato per anziani e disabili gestito dalla cooperativa L’altromare. Per discutere sulla questione con i diretti interessati è stata indetta in tempi brevi anche una riunione, che si è svolta questa mattina con Comune, Autorità Portuale e il socio fondatore della cooperativa L’Altromare Ugo Cappello.

La notizia sullo spostamento del servizio è assolutamente infondata e pretestuosa – spiega Santi, a conclusione della riunione sul tema -. Nè Autorità Portuale nè il Comune di Savona hanno pensato di spostare lo Scaletto dalle Fornaci”. “Non è mai stato messo in discussione dall’amministrazione di Savona e dall’Autorità Portuale il ruolo, la funzione e il luogo dello Scaletto senza Scalini. La nostra volontà non è solo quella di mantenerlo nel luogo che si ritiene più funzionale, ma che sia anche una storicità, una tradizione della zona da preservare” commenta l’assessore Zunato.

Ed è così che si mette a tacere la polemica nata intorno al possibile spostamento dello Scaletto senza Scalini: sulla questione si è sollevata anche la minoranza proponendo una mozione.

Dall’Autorità Portuale chiariscono che si è proposto un possibile spostamento dello Scaletto solo in “un’ottica di ampliamento degli spazi, alla luce delle ultime problematiche riscontrate nel distanziamento da Covid – affermano da Autorità Portuale – Non c’è stato alcuno sfratto ma solo una proposta, in quanto nella stagione balneare 2020 alcune persone che frequentavano Lo Scaletto non hanno potuto accedere alla spiaggia per la ristrettezza degli spazi, aggravata dai metri di distanza per evitare il contagio da Covid”.

La spiaggia che si sta allestendo a Zinola avrebbe spazi più estesi e risolverebbe quindi questo problema, ma non si è messa in moto alcuna pretesa: l’ultima parola spetta alla cooperativa che gestisce il servizio di balneazione” concludono dall’Autorità Portuale. Anche l’assessore Santi non chiude comunque la proposta di ampliare gli spazi per il servizio dello Scaletto: “Se un domani la cooperativa L’Altromare chiedesse più spazio per accontentare altri disabili si possono trovare insieme altre collocazioni. Ad oggi comunque hanno confermato che il servizio va benissimo dove si trova ora“.

L’assessore Zunato conclude dicendo che, per quanto riguarda il canone demaniale per l’utilizzo della spiaggia – che prevedrebbe un aumento nella spesa di 2200 euro – il Comune “sta lavorando come Anci a livello regionale e nazionale per eliminare l’aumento dei canoni demaniali”. Se tuttavia non ci dovessero essere modifiche, il Comune assicura di “farsi carico dell’impegno di aiutare la cooperativa nel pagamento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.