IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Limpido, sincero, carismatico”: i suoi giocatori ricordano mister Giancarlo Tonoli, scomparso per il Covid

E' scomparso all'età di 82 anni. La sua una vita dedicata al calcio: "Era innamorato del Savona"

Savona. Il Covid-19 ha portato via un altro dei pilastri del calcio savonese: Giancarlo Tonoli. Una brutta caduta, poi l’esito nefasto e ieri la sua scomparsa all’età di 82 anni.

Una persona limpida, sincera e carismatica. Così lo descrivono tutti coloro che l’hanno conosciuto. “Ci faceva sempre sentire più forti di quello che eravamo” racconta il suo ex giocatore Ilario Genta che ha condiviso con lui le esperienze alla Veloce, alla Carcarese, a Cairo e a Millesimo. “Un uomo schietto, sempre a modo, ma che era in grado di dirti sempre quello che pensava, insomma un grande uomo”.

Si unisce al dolore anche il suo giocatore e amico Sergio Soldano: “Per me non è stato solo un mister, ma un punto di riferimento nel campo e nella vita. Un uomo dal carattere molto forte, che mi ha aiutato tanto. Siamo sempre stati legati, negli ultimi anni capitava che andassi a casa sua e lo portassi a prendere un caffè. Per me era quasi un secondo papà”.

giancarlo tonoli e sergio soldano

Un legame forte che li univa, così come la passione che Tonoli aveva per il suo Savona, società in cui aveva militato come portiere in Serie B negli anni ’60, dopo l’esperienza al Mantova, e che aveva anche allenato. “Era innamorato del Savona – prosegue Soldano – viveva moltissimo la società seguendo sempre le partite. Era un milanista sfegatato, ma quando parlavi con lui di calcio l’argomento erano sempre i biancoblù. Penso che le soddisfazioni che provava per le altre squadre sostituissero l’amarezza che aveva per la gestione del Savona”.

Le sue gioie più grandi, Tonoli le ha collezionate sulla panchina e soprattutto a Carcare, dove è diventato uno degli tecnici più amati e stimati della storia biancorossa. Ha diretto la squadra dal 1978 al 1981 per poi ritornare negli anni d’oro della società. È la stagione 1987-88, quando il presidente Marco Sardo decide di esonerare Lallo Bossolino e chiama Tonoli per dargli la guida della Carcarese, allora in Promozione. Dal suo arrivo la squadra non perde una partita aggiudicandosi così la vittoria del campionato e il salto in Interregionale, la massima serie mai raggiunta dai valbormidesi (capitano della squadra era proprio Soldano).

carcarese 78-79 tonoli

“Era un personaggio, pieno di carica, un uomo forte che riusciva a trasmettere sicurezza e grinta ai giocatori e a gestire il gruppo – lo ricorda così Sardo – Per noi quella stagione è stata un’annata fantastica, Tonoli era uno dei migliori allenatori per la categoria e ci ha regalato un sogno”.

Ma non solo Carcare, il tecnico savonese ha vinto numerosi campionati, uno a Millesimo e due consecutivi a Loano, grazie anche al contributo di Sergio Soldano, uno dei suoi pupilli.

Terminata la carriera da allenatore, Tonoli intraprende quella da dirigente, divenendo fino a pochi giorni fa presidente provinciale dell’Aiac. Quest’anno la decisione di non ricandidarsi e lasciare il posto a Tonino Caprio. “Anche come presidente era sempre presente” dice Soldano.

Giocatore, allenatore, amante del calcio, ma anche “gazzosino” così lo chiamavano a Carcare. Tonoli, infatti, a Savona aveva una ditta di distribuzione di bibite e acqua prima con il padre e il fratello Alberto e poi lasciata al figlio Tullio.

Una figura importante per tutto il calcio savonese che nei suoi diversi ruoli è riuscita a dare un’importante contributo a tutto il movimento.

Non sono tardati ad arrivare i messaggi di cordoglio dal movimento sportivo provinciale. “Alla famiglia Tonoli vanno le più sentite condoglianze da parte del presidente Franco Tarabotto e di tutti i tesserati del nostro sodalizio” scrive la dirigenza del Vado, squadra che ha allenato nelle stagioni 1975/76 e 1997/98.

“Presidente, i dirigenti e gli atleti di Us Priamar 1942 Liguria partecipano al cordoglio di Tullio, tecnico della squadra femminile a sette, e Giulio, bomber della formazione Juniores, per la scomparsa del compianto Giancarlo Tonoli, vero uomo di sport, calciatore professionista e apprezzato allenatore di molte squadre, nonché storico presidente dell’Aiac. Un abbraccio affettuoso a Tullio e Giulio da parte di tutta la famiglia rossoblù!”.

La scomparsa di Giancarlo Tonoli che ha scosso anche l’Olimpia Carcarese che ha dedicato al suo ex mister una lettera: “Per noi sei stato un allenatore, un simbolo, un esempio da seguire. Fai parte della nostra storia, delle pagine più gloriose. Hai seduto sulla panchina biancorossa, al collo la tua sciarpa rossa di lana che indossavi anche d’estate, per te un rito scaramantico, un amuleto,  che non ti dimenticavi mai. Tu eri lì e come un maestro d’orchestra dirigevi i tuoi campioni che a suon di gol e ottime prestazioni con te ascoltavano ogni giorno i cori trionfali dei tifosi che festeggiavano le innumerevoli vittorie. Con te ci siamo dimenticati cosa vuol dire perdere, abbiamo conosciuto la grinta, il carisma che eri in grado di infondere. Con te abbiamo raggiunto il nostro massimo risultato: la promozione in Interregionale”.

“La stagione 1987-88 è stata fantastica, indimenticabile e tu ne sei stato protagonista. Ma non solo in quegli anni, dal 1978 al 1981 prima e poi nel 1998, nel bene e nel male, sei stato uno dei punti di riferimento della società, guadagnando la stima e l’affetto di dirigenti, giocatori e tifosi. Ricordiamo anche la bellissima vittoria del campionato di Prima Categoria nel 1979”.

“Giancarlo hai scritto alcune pagine della storia biancorossa, hai riempito i nostri ricordi di momenti emozionanti, restando sempre te stesso, il nostro “gazzosaio”, un uomo sincero e leale, un grande uomo. Da giocatore, allenatore, amico o avversario, ma anche da presidente dell’Aiac hai continuato a dimostrare la tua serietà e professionalità, fino all’ultimo giorno. Rimarrai sempre nei nostri cuori. Grazie di tutto mister. Riposa in pace” conclude così il suo elogio al società biancorossa.

Anche l’Asd Santa Cecilia si unisce al cordoglio: “Il presidente, il Consiglio direttivo e i tesserati addolorati per la scomparsa di Giancarlo Tonoli, indimenticabile portiere, allenatore, presidente AIAC, esprimono ai familiari le più sincere condoglianze per questo profondo momento di lutto”.

“L’Asd Millesimo Calcio piange il suo ex allenatore Giancarlo Tonoli. Ha guidato dalla panchina i colori giallorossi nelle stagioni 86/87 e 88/89 conseguendo ottimi risultati e dimostrandosi un ottimo tecnico e una persona d’oro. Le più sentite condoglianze alla famiglia Tonoli”.

La Rari Nantes Savona “si unisce al dolore di tutti gli sportivi savonesi ed esprime alla famiglia di Giancarlo Tonoli le più sentite condoglianze”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.