IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Hanno pagato le tasse anche se potevano rinviarle: anche Pietra Soccorso tra i “contribuenti solidali”

Il Tesoro ha diffuso il primo elenco di chi non ha rimandato il pagamento delle tasse durante la pandemia: "Importante sostegno alla tenuta del Paese"

Savona. C’è anche una pubblica assistenza savonese nell’elenco dei “contribuenti solidali”, ovvero aziende o imprese individuali che durante il periodo pandemico avrebbero potuto rinviare le tasse ma hanno deciso di rispettare i termini di pagamento standard. Si tratta di Pietra Soccorso, unica realtà della nostra provincia presente nell’elenco.

Si tratta in totale di circa 300 realtà economiche in tutto il Paese – rese note dal ministero dell’Economia attraverso un apposito elenco – e tra queste, oltre alla pubblica assistenza di Pietra, ce ne sono quattro genovesi, un’azienda e tre liberi professionisti. Ecco chi sono:

L’azienda è la Hi-Lex Italy di Chiavari, la ex Lames, una grossa società specializzata in componenti per auto che dopo un periodo di concordato preventivo aveva finalmente ripreso a lavorare e a trovare commesse nell’anno del covid. La Hi-Lex conta 250 dipendenti e un fatturato di 70 milioni (compresa la controllata al 100% Hi-Lex Serbia e la maggioranza di un’altra azienda in Cina: Shenyang Hi-Lex, dove c’è la sede della Bmw), tra i maggiori clienti Fca, Bmw Audi, Volkswagen e Peugeot.

Ci sono pochi tre liberi professionisti, Roberta Sallustio, avvocato con studio a Genova, Federico Pinacci, medico specialista ortopedico sul territorio della Asl 3 e Lorenzo La Face, tecnico della prevenzione ambientale.

Dunque queste sono le realtà che non solo hanno scelto di non avvalersi della facoltà prevista dal Decreto Cura Italia ma – hanno dato la loro disponibilità al ministero a rendere pubblici i loro nomi iscrivendosi a questo link.

E quindi possibile anzi probabile che esista un numero maggiore di “contribuenti solidali” a cui però interessa poco farlo sapere al resto del Paese. C’è da dire che l’elenco ha un valore simbolico – “dalla loro scelta è venuto un sostegno importante alla tenuta dell’economia italiana e un importante contributo allo sforzo compiuto da tutto il Paese” spiegano dal Ministero – ma può costituire anche una piccola pubblicità.

A tutti questi contribuenti va comunque il ringraziamento del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri: “il contenimento del coronavirus e dei suoi effetti sulla salute e sulle nostre condizioni di vita è una sfida che non ha precedenti nella storia della nostra Repubblica. Davanti a questo nemico invisibile il Paese si è presentato unito e solidale. Lo dimostra anche il fatto che, nonostante la sospensione dei termini di pagamento decisa dal Governo, molti cittadini in questi mesi abbiano pagato le tasse regolarmente. Possiamo chiamarli contribuenti solidali. Consapevoli che, oggi più che mai, ogni risorsa è necessaria per sostenere la sanità, gli ammortizzatori sociali e gli strumenti che abbiamo messo in campo per fornire sostegno e protezione. A questi contribuenti va il nostro più sincero ringraziamento“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.