IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Fontana del pesce, Bruno (Europa Verde): “Valorizzare l’arte, non limitarsi a tagliare nastri”

"Perchè non si creato un percorso per la valorizzazione della figura di una importante scultrice?"

Savona. “Il restauro della fontana del pesce di Piazza Marconi è un importante risultato per la nostra città e soprattutto per ricordare una scultrice, Renata Cuneo, che tanto ha dato a Savona nel corso della sua lunga vita”.

Così Danilo Bruno di Europa Verde esprime la sua soddisfazione per la restaurazione della fontana e coglie l’occasione per evidenziare “la differenza fra chi conosce e vuole tutelare e valorizzare la propria città per esaltarne la coscienza civile e chi si limita a ‘tagliare nastri’, data l’imminenza delle elezioni, senza neppure approfondire di cosa stiamo parlando e considerare le eventuali implicazioni positive che potrebbero conseguirne”.

“Era simpatico vedere il sindaco Caprioglio e l’assessore Santi dinanzi alla fontana, che aveva ripreso il suo getto – prosegue Bruno -, spiegare l’importanza dell’intervento. Ma ci sono sorti alcuni dubbi di cui vorremmo chiedere delucidazioni al Comune.

“Dove era l’assessora alla cultura Rodino – si chiede il rappresentante di Europa Verde -, di cui dopo il voto alle elezioni regionali pare che si siano ormai perse le tracce? Perché in questo periodo di lockdown non si è predisposto, ad esempio, un video promozionale, che ricordasse le suddette opere e fosse visibile sul sito del Comune?”

“Perché non si è tentata anche una valorizzazione della figura di una importante scultrice, che ha segnato la vita artistica italiana e che meriterebbe ben altro trattamento di un museo unito a quello dedicato alla Collezione Pertini senza una logica culturale, storica o artistica? Perché non si crea un percorso dedicato a Renata Cuneo, che investa la cassa processionale e, oltre a quella della Villetta, la chiesa Stella Maris? Perché la statua dell’Allodola – conclude Bruno – deve rimanere abbandonata nell’atrio del Comune, dove peraltro ora non si entra, senza una luce adeguata, a raccogliere polvere?”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.