IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Crisi di Governo, Conte rilancia ma per Toti: “Ripicche e debolezza in un momento critico”

Dopo il discorso del presidente del Consiglio non si è fatto attendere il commento del governatore ligure

Liguria. “Una crisi senza senso e confesso il mio disagio“. Parole del premier Giuseppe Conte nel suo discorso alla Camera sulla crisi di Governo. “Abbiamo lavorato per il bene del Paese e per questo posso parlare a testa alta” ha aggiunto, sottolineando i danni di questa crisi in un momento critico legato alla pandemia e alla necessità di nuove e urgenti misure a sostegno dell’economia.

Il presidente Conte ha parlato di un “momento di svolta“, per avere un “Esecutivo forte e unito”, facendo appello alle forze parlamentari, nella ricerca di una nuova maggioranza: dalla base di M5s, Pd, Leu, la richiesta di nuovi innesti nell’alleanza secondo le tradizioni politiche europeiste, liberali, popolari e socialiste: “Un nuovo patto di legislatura per rafforzare il Governo e proseguire nel lavoro svolto” ha detto. E per alcuni il riferimento implicito è indirizzato anche a Forza Italia.

E nel merito degli incarichi: stop alla delega per l’Agricoltura e nuova autorità delegata per l’intelligence.

Infine, il tema della legge elettorale: “Promuovere una riforma proporzionale capace di unire le ragioni del pluralismo e dare l’opportuna stabilità al sistema politico, con l’obiettivo di avere una più ampia condivisione possibile”. 

E sull’intervento del presidente del Consiglio alla Camera è arrivato il commento del governatore ligure Giovanni Toti: “Secondo il premier Conte il Governo non ha sbagliato nulla. Francamente mi sembra un giudizio molto autoindulgente”.

“Il caos di questi giorni sulla scuola ne è solo l’ultima dimostrazione. Delle due, l’una: o siamo, come sostengono il Ministro della Salute e i suoi tecnici, alla vigilia di una nuova ondata Covid pericolosissima, tanto che il consulente di Speranza Ricciardi chiede addirittura un nuovo lockdown, e allora riaprire le scuole in zona arancione è una follia. Oppure non è così, i dati sul virus migliorano e allora oltre alle scuole riapriamo anche teatri, cinema, ristoranti, bar, palestre e piscine, con le dovute regole. Non si può descrivere la situazione Covid secondo le necessità politiche“.

Serve un Governo forte, serio, non condizionato dalle ripicche tra ministri e appeso a un pugno di voti sparpagliati, ammesso che quei voti ci siano. Questa crisi rischia di essere l’ennesima occasione perduta. Per arroganza” conclude Toti.

Tuttavia la situazione politica è ancora in divenire: le parole di Conte, come quelle di Zingaretti ieri, ampliano in linea teorica il perimetro del governo che potrebbe avvicinarsi a quel concetto di “unità nazionale” che anche Toti ha più volte caldeggiato. E sulle due deleghe, quella all’agricoltura (lasciata libera dalla dimissionaria Teresa Bellanova) e quella ai servizi segreti, potrebbero arrivare proprio le nomine delle nuove forze in una maggioranza allargata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.