IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Covid, Toti: “Lieve discesa dei contagi, messa in sicurezza degli over 80”

Sul nuovo Dpcm i governatori proveranno a evitare l'inasprimento sull'asporto, giovedì nuovo e decisivo confronto con le Regioni

Liguria. “Dopo l’incontro in video conferenza di ieri, proseguirà giovedì mattina il confronto tra le Regioni, il governo e il commissario Arcuri, in vista del prossimo Dpcm che andrà a sostituire l’attuale, in scadenza la notte del 15 gennaio e per aggiornare il piano delle vaccinazioni”.

Lo ha comunicato questa sera nel corso del consueto punto stampa sul Covid in Liguria il presidente di Regione Giovanni Toti.

Giovedì in serata arriverà il nuovo Dpcm: il decreto del presidente del consiglio Conte sarà quasi certamente accompagnato da un decreto legge che prolungherà lo stato di emergenza in scadenza a fine mese. Sul tavolo c’è il divieto di spostamento tra le Regioni anche gialle – che non sembra al momento trovare molte resistenze – se non per motivi di lavoro, salute o necessità ma anche la novità dello stop per l’asporto dopo le 18, ipotesi contestata dalle categorie ma anche da diversi governatori, consci delle difficoltà in cui verte il settore della ristorazione.

Esclusa al momento invece l’automaticità del passaggio in zona rossa per le regioni che avranno il dato settimanale Rt pari o superiore a 1,25: “Questa proposta non è stata sostenuta dal ministro della Salute in primis” quindi “non è sul tavolo” ha spiegato il presidente della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini intervistato a Tagadà su La7. “Rischia di penalizzare chi fa più tamponi”, ha aggiunto Bonaccini. Sempre Bonaccini ha spiegato inoltre che sono ancora sul tavolo della trattativa i fine settimana “arancioni” in tutta Italia, “ma giovedì in conferenza unificata discuteremo di tutto”.

“La curva della pandemia è in lieve discesa ovunque in Liguria, anche nel savonese – ha poi aggiunto il governatore Toti – E forse questi sono i primi risultati del lockdown legato al Capodanno, ci auguriamo che i dati anche dei prossimi giorni lo confermino. Sono 276 i nuovi casi di positivi in Liguria, anche a fronte di un numero molto importante di tamponi effettuati; per un totale di 58 casi in meno nella regione e 5 pazienti in meno ospedalizzati. Abbiamo una media di ricoverati al giorno che si aggira sui 40/50 casi, al pari delle dimissioni”. Purtroppo ha rilevato il presidente è ancora alto il numero dei decessi pari a 28, anche se riferiti ai giorni passati.

“Oggi – ha ricordato il presidente – sono state 2.556 le vaccinazioni eseguite che portano il totale dei vaccini somministrati a 23.471 su 33.470, pari al 70% delle dosi consegnate alla Liguria che è la soglia prevista per non interrompere la catena logistica, cioè la somministrazione della seconda dose a chi è già stato vaccinato, anche in caso di mancanza di consegne da Roma”.

“Come era stato previsto – ha aggiunto Toti – oggi sono arrivati 17 pizza box per 19.890 dosi e siamo dunque in grado di proseguire con i vaccini, mantenendo scorte prudenziali fino al 21 gennaio, quando comincerà il secondo ciclo dei vaccini. Ci auguriamo di riuscire nei prossimi 60 giorni a mettere in sicurezza anche i cittadini sopra gli 80 anni che da soli rappresentano il 70% dei decessi e il 50% dei letti occupati negli ospedali. Un risultato che per noi sarebbe straordinario”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.