IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Con i nuovi parametri quasi tutta Italia in zona arancione”: l’annuncio di Toti dopo la riunione con Speranza

A causa delle misure più severe, tra le regioni a rischio anche la Liguria

Liguria. “In videoconferenza con le Regioni, il ministro Speranza ha annunciato il combinato disposto del decreto legge approvato ieri sera e del nuovo Dpcm, che sta per mettere in arancione praticamente tutta l’Italia con i nuovi parametri”.

Ad annunciarlo è il governatore Giovanni Toti, ospite questa mattina a Tg2 Italia. A partire da domenica, molte regioni rischiano di tornare in “zona arancione” a causa dei un Rt superiore a 1 (l’ultimo decreto, infatti, ha abbassato la soglia di 0,25).

Tra queste anche la Liguria, già la scorsa settimana le previsioni oscillavano tra zona gialla e arancione, quest’ultima poi scongiurata grazie ad un rt pari a 0,95. Ma questa volta la nostra regione potrebbe non avere le stesse sorti e da domenica bar e ristoranti potrebbero di nuovo doversi accontentare solo di asporto e consegne a domicilio e potrebbe ritornare il divieto di spostamento dal proprio comune con tutte le altre restrizioni che abbiamo imparato in questi ultimi mesi.

E sulla crisi di governo, Toti aggiunge: “Non credo che gli italiani possano restare con le loro attività chiuse, chiusi in casa e vedere un Governo che invece di risolvere i problemi perde tempo nella speranza di trovare qualche voto in Parlamento”.

“Se Conte ha i numeri per andare avanti lo chiarisca oggi, noi manterremo il nostro profilo di opposizione responsabile – prosegue – Altrimenti si dimetta e la maggioranza si interroghi se ha ancora un senso di stare insieme. Se, invece, decide che il divorzio è definitivo, il Capo dello Stato deciderà quale percorso è possibile”. E poi conclude: “È chiaro che in democrazia il voto è lo sbocco principale di una crisi politica, ma se le condizioni del Paese non lo consentono è un altro film”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.