IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Vado, Luca Tarabotto torna sulle sue dimissioni: “Le cose non andavano come avrei voluto, ma la mia voce sarà sempre importante”

L'allenatore rossoblù spiega i motivi della sua decisione, il primo allenatore adesso è Cristiano Francomacaro

Più informazioni su

Luca Tarabotto ha fatto un passo indietro rispetto al ruolo di primo allenatore del Vado. Ma non per questo il suo impegno nei confronti del club rossoblù verrà meno. “Rimarrò a far parte dello staff del Vado e continuerò a dare il mio contributo sia a livello societario sia sul campo. Vado è la società dove lavoro e mi sento molto legato a questi colori. Da quando la famiglia Tarabotto ha preso le redini di questo sodalizio, il Vado gode del rispetto di tutti e ci tengo che sia sempre così”.

Una decisione importante che il tecnico genovese spiega in primis assumendosi le proprie responsabilità: “Motivi personali fanno sì che io non possa assicurare la mia presenza in tutte le trasferte e questo rende anche più difficile la quotidianità della settimana, è quindi giusto che il Vado abbia sempre la stessa figura a guidare la squadra in panchina”.

Tarabotto, tuttavia, analizza più in profondità questa decisione sicuramente sofferta partendo da una semplice ma efficace metafora: “Quando un vestito non te lo senti troppo bene addosso, non devi comprarlo per forza”.

“Mi spiego – prosegue Tarabotto – anche lo scorso anno non riuscii a seguire la squadra lontano da Vado, ma non era sorto alcun problema. Quest’anno si è venuta a creare una situazione a seguito della quale mi sono sentito meno autorevole di quanto dovrebbe essere l’allenatore di una squadra di calcio. A livello interiore, mi sono sentito un po’ meno centrale e le cose non stavano andando appieno come avrei voluto. Non è una polemica, ci mancherebbe, ma semplicemente la spiegazione del mio stato d’animo e del perché ho optato per questa decisione”.

“Sono sicuro che alla ripresa – conclude Tarabotto – il Vado potrà tornare a dire la sua. Io ci sarò sempre e tengo a sottolineare come sarà importante che la mia voce venga ascoltata. Sono una persona molto disponibile al dialogo, ma certe cose è bene che siano chiare fin da subito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.