IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Servizio civile nelle pubbliche assistenze, Muzio: “Trovare le risorse per i progetti in graduatoria nazionale ma non finanziati”

Depositato un ordine del giorno

Regione. Con un ordine del giorno depositato quest’oggi, il consigliere regionale capogruppo di Forza Italia-Liguria Popolare, Claudio Muzio, chiede al presidente Giovanni Toti e alla giunta di attivarsi con urgenza in Conferenza Stato-Regioni e nelle altre sedi istituzionali affinché il Governo adotti quanto prima provvedimenti finalizzati a consentire il finanziamento dei progetti di servizio civile collocati nella graduatoria nazionale 2020 pubblicata il 10 dicembre scorso ma, per carenza di risorse disponibili, esclusi dal bando per la selezione degli operatori. Tra questi progetti vi sono anche quelli presentati dalle pubbliche assistenze liguri.

“Il servizio civile presso le pubbliche assistenze – dichiara Muzio – rappresenta, oltre ad una straordinaria esperienza formativa per coloro che lo svolgono, anche un importante supporto per l’attività di queste associazioni. In questa fase di grave emergenza sanitaria, privare le pubbliche assistenze del supporto dei giovani che vi prestano il servizio civile costituisce un atto del tutto contrario alle esigenze, ai bisogni ed alle necessità che l’attuale situazione impone”.

“Ricordo che gli stanziamenti nazionali per il servizio civile sono passati dai 300 milioni del 2018 ai 225 milioni del 2020. Ciò ha comportato che molti progetti, tra cui quelli proposti dalle pubbliche assistenze del nostro territorio, siano stati collocati in graduatoria ma non abbiano potuto beneficiare del finanziamento per essere attuati. Per questo ho deciso di presentare questo ordine del giorno, con l’obiettivo di sollecitare il Governo a porre quanto prima rimedio a questa situazione”, conclude il capogruppo di Forza Italia-Liguria Popolare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.