Anniversario

Savona, il Partito Comunista ricorda Stalin: “Ripartiamo dal modello sovietico per cambiare il sistema”

Uno striscione e un post sui social per ricordare l'anniversario della nascita

Comunisti ricordano Stalin

Savona. “21-12-1879 onore a Stalin”. E’ la frase riportata su uno striscione comparso ieri in via Quarda Inferiore a Savona con cui la sezione locale del Partito Comunista ha ricordato il 141º  anniversario della nascita di Iosif Vissarionovič Džugašvili, conosciuto appunto come Stalin.

La ricorrenza è stata celebrata anche con un post su Facebook dedicato alla figura del georgiano: “A 141 anni dalla sua nascita, ribadiamo l’urgenza di ripartire dal modello di società dell’Unione sovietica per far emergere le contraddizioni del capitalismo e trasformarlo nell’anello debole della catena imperialista, gettando così le basi per il cambio di sistema”.

“In un periodo di costante revisionismo storico, con l’Unione Europea che arriva addirittura ad equiparare nazifascismo e comunismo, ribadiamo con forza che fu proprio Stalin a contribuire in modo determinante alla caduta del nazifascismo. Fu infatti l’Armata Rossa a liberare l’Europa orientale dal giogo tedesco e a conquistare Berlino, ponendo fine al secondo conflitto mondiale”, continua il post.

“Con Stalin, l’Unione sovietica raggiunse un elevatissimo livello di industrializzazione, trasformandosi in una potenza mondiale e assumendo il ruolo di guida per tutti i comunisti del mondo. Nel 1936 la Costituzione sovietica promulgata da Stalin introdusse il suffragio universale, riconobbe il diritto/dovere del lavoro, la tutela della salute attraverso un sistema sanitario pubblico e accessibile, il diritto alla casa, all’istruzione e moltissimi altri diritti civili”.

Più informazioni
leggi anche
pci partito comunista italiano
Riflessione
“Da Usl ad Asl, com’è cambiata la sanità in Liguria”, incontro in streaming del Pci

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.