IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona 2021, il gruppo Pd punge Caprioglio: “Una città ricattata dalla Lega”

"Questa la fotografia dell'amministrazione della nostra città a 5 mesi dalle elezioni"

Più informazioni su

Savona. “Si è consumato così un Consiglio comunale a colpi di demagogia e strumentalizzazioni. Lontani anni luce dal dare le risposte di cui Savona avrebbe bisogno, impegnati nei ricatti e nelle diatribe tutte interne alla maggioranza, alla ricerca della spallata più potente. In tutto questo, passa quasi sotto silenzio la conferma di quello che il nostro gruppo sostiene da oltre 4 anni”. È questa l’analisi a 5 mesi dal voto del gruppo consiliare del Partito Democratico savonese alla luce del dibattito andato in scena durante l’ultimo Consiglio comunale a Savona.

“Il piano di riequilibrio – spiegano i democratici in una nota – ha inferto colpi durissimi alla nostra città. Ed è conseguenza di scelte politiche. Ieri in Consiglio, la conferma di tutto questo: dopo aver tolto ossigeno e anima alla città per 4 anni improvvisamente, a 5 mesi dalle elezioni, si rilasciano grandi quantità di risorse. Lo abbiamo detto da sempre, anno dopo anno, ed è nero su bianco nelle relazioni della Corte dei Conti: i tagli sono stati superiori a quanto fosse richiesto. Una scelta scellerata con conseguenze sotto gli occhi di tutti”.

“Potremmo passare uno a uno i grandi temi della campagna elettorale del centro destra – proseguono dalla minoranza – a ciascuno corrisponde un tassello del fallimento di questa amministrazione: dal fallimento del sistema di raccolta dei rifiuti, agli aumenti ai cittadini sui servizi, i mancati investimenti sul Campus, l’azzeramento delle iniziative turistiche e culturali, il costante mancato sostegno al piccolo commercio… sono solo alcuni degli esempi lampanti”.

“Da quattro anni la città richiede e soffre per i mancati interventi, attenzione, idee, strategie e progettazione. In questa situazione già profondamente compromessa è arrivato il flagello dell’emergenza sanitaria. Non basteranno 5 mesi dopo l’incapacità dimostrata. Chi verrà dopo dovrà rimboccarsi le maniche e cambiare totalmente approccio: ricominciare ad ascoltare la città, avere buone idee e saperle mettere in pratica. Fuori dai ricatti e dalla demagogia” concludono dal PD savonese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.